domenica 5 Luglio 2020
Altre aree

    VIDEO / Come si ritrova un disperso nei boschi (in questo caso un 80enne). Fondamentale il fiuto di un cane

    In questi giorni in cui in tutta la Toscana ci si sta muovendo alla ricerca di funghi (e sono molti i chiantigiani nei boschi) si moltiplicano infortuni e smarrimenti. L'ultimo esempio...

    TOSCANA – In questi giorni in cui in tutta la Toscana ci si sta muovendo alla ricerca dei funghi (e sono molti i chiantigiani nei boschi), si moltiplicano le ricerche, condotte nella maggior parte dei casi dai vigili del fuoco, di persone che perdono l’orientamento o si infortunano.

    In questo video vi mostriamo l’ultimo caso in ordine di tempo: e vi mostriamo anche con quanta accuratezza e professionalità operino i vigili del fuoco.

    Anche se, come vedremo, la grande tecnologia talvolta non può fare a meno di uno dei grandi aiuti che accompagnano da sempre i vigili del fuoco, ovvero quello dei cani.

    Con una raccomandazione che vale sempre: andate nel bosco nella massima sicurezza, con la consapevolezza dei rischi e se siete in grado di orientarvi. Possibilmente, mai da soli.

    Erano iniziate ieri sera le ricerche di un anziano signore disperso nei boschi di Cornocchia, nel comune di Sovicille (Siena). 

    Il dispositivo di soccorso dei vigili del fuoco, composto da squadre ordinarie, cinofili, nuclei TAS (Topografia Applicata al Soccorso), SAF (Speleo Alpino Fluviale), SAPR (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto), ha operato per tutta la notte.

    Dopo più di 12 ore di lavoro è stato il fiuto del “collega” a quattro zampe Drago a mettere le squadre sulle tracce dell’uomo.

    Ritrovato in buone condizioni di salute, dopo le prime cure è stato trasportato a bordo dell’elicottero dei vigili del fuoco presso il Policlinico Le Scotte, a Siena.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...