venerdì 7 Agosto 2020
Altre aree

    VIDEO / Emergenza finita. Il saluto dalla “Bolla Covid” di Careggi di medici e infermieri

    "Sono stati tre mesi intensissimi, abbiamo affrontato dolori e sofferenze. Ora invitiamo tutti a non abbassare la guardia, perché il Covid ancora non è stato sconfitto"

    FIRENZE – Cinque minuti di video. Cinque minuti di emozioni. Cinque minuti di dolore. Cinque minuti di isnegnamento.

    A pubblicarlo il gruppo di medici, infermieri, operatori sanitari, della cosiddetta “Bolla Covid”, di Degenza Oridinaria, Medicina B, Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi.

    “Sono stati tre mesi intensissimi – scrivono – abbiamo affrontato dolori e sofferenze”.

    “Li abbiamo affrontati – rimarcano – con impegno e senza risparmio, siamo stati un gruppo unico, uniti ci siamo aiutati l’un con l’altro”.

    “Adesso – dicono con il giusto orgoglio – è arrivato il momento di congedarci da questa esperienza, alcuni colleghi arrivati per affrontare la pandemia saranno spostati ma in futuro potremo tutti quanti ricordare di aver fatto parte di un gruppo fantastico, il gruppo “Bolla Covid Morettini””.

    “E invitiamo tutti a non abbassare la guardia – concludono – perché il Covid ancora non è stato sconfitto. Ma noi insieme abbiamo vinto questa battaglia, a presto amici”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino