spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Zona Fiorentina Sud Est e Coronavirus, spesa e medicinali a domicilio

    A livello sovra comunale; anche un numero dedicato agli anziani soli e alle persone con fragilità

    FIRENZE – Spesa e medicine consegnate a casa e un presidio telefonico dedicato agli anziani soli, alle persone disabili e con fragilità.

     

    È il nuovo servizio di assistenza domiciliare per rispondere all'emergenza del Coronavirus, attivo da oggi nei quattordici Comuni della Zona Fiorentina Sud-Est (Bagno a Ripoli, Barberino Tavarnelle, Fiesole, Figline Incisa Valdarno, Greve in Chianti, Impruneta, Londa, Pelago, Pontassieve, Reggello, Rignano sull’Arno, Rufina, San Casciano, San Godenzo).

     

    Un progetto organizzato dalle amministrazioni comunali in collaborazione con la cooperativa sociale Arca, i commercianti, le farmacie locali, le associazioni di volontariato e gli operatori della Protezione civile.

     

    Il servizio, totalmente gratuito, è prevalentemente dedicato alle persone più anziane che vivono da sole, alle persone con disabilità, immunodepresse o con patologie.

     

    Per aderire al progetto è necessario contattare i seguenti numeri che valgono per tutti i Comuni della Zona e saranno attivi dal lunedì al sabato per dodici ore: il numero 3346754365 attivo dalle ore 8 alle 14 e il numero 3346083202 attivo dalle 14 alle 20.

     

    Dall'altro capo del filo risponderanno due operatori della cooperativa Arca incaricati di prendere “gli ordini” e fare da tramite con gli esercizi commerciali e le farmacie dei singoli comuni.

     

    I volontari delle associazioni del territorio e gli operatori della Protezione civile provvederanno poi alla consegna a domicilio della spesa o dei farmaci, nel rispetto di tutte le norme di sicurezza.

     

    Il servizio potrà essere impiegato anche per consegnare spesa o farmaci a domicilio per le persone soggette a misure di isolamento e quarantena.

     

    Oltre alla spesa a domicilio, i numeri messi a disposizione con il servizio di Zona potranno svolgere attività di sorveglianza attiva nei confronti degli anziani e delle persone con fragilità.

     

    Gli operatori di Arca potranno promuovere sostegno e compagnia telefonica, informeranno gli utenti sulle direttive comportamentali da tenere, con un coordinamento costante con gli Uffici del sociale delle singole amministrazioni che restano comunque sempre operativi e a disposizione degli utenti e contattabili telefonicamente o per email.

     

    “In pochi giorni siamo riusciti a organizzare un grande gioco di squadra per rispondere ai bisogni delle persone anziani e più fragili – commenta Francesco Casini, sindaco di Bagno a Ripoli e presidente della Conferenza dei sindaci della Zona Fiorentina Sud Est – Il nostro territorio è tra i più longevi della Toscana, con quasi 50mila persone over 65, la fascia di popolazione che in questo momento ha più bisogno di assistenza".

     

    "Voglio ringraziare di cuore tutti coloro che hanno dato la loro adesione al progetto – tiene a dire – negozianti, farmacisti, volontari e ovviamente gli operatori della Protezione civile e di Arca. Ancora una volta le nostre Comunità rispondono 'presente' e si dimostrano forti, solidali e unite. Si è creato così un grande fronte comune per non lasciare solo nessuno e per e limitare il più possibile gli spostamenti della popolazione dalla propria abitazione".

     

    "Questa la chiave principale per contenere la diffusione del contagio da Coronavirus – conclude – Con il rispetto delle regole da parte di tutti e con gesti di solidarietà come questi, ci riusciremo presto”.

    di REDAZIONE

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...