spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Autolinee Toscane, piano straordinario di assunzioni: 173 già reclutati

    "In sette mesi uno sforzo imponente che però ha dovuto fare i conti con la carenza di conducenti in tutta Italia e con il turn over"

    FIRENZE – “Autolinee Toscane è attivamente impegnata a migliorare il trasporto pubblico locale in tutta la regione e, senza sosta, sta continuando ad attuare il piano straordinario di assunzioni, partito a gennaio con una campagna ed un appello, tutt’ora validi e che l’azienda rinnova. In modo trasparente, come l’azienda ha fatto fin dall’inizio, proviamo a spiegare cosa è stato fatto in sette mesi della nostra gestione”.

    Lo spiega in una nota l’a’azienda che dall’1 novembre 2021 gestisce tutto il trasporto pubblico locale nella nostra regione.

    “Dal primo di novembre – prosegue – a seguito delle gravi carenze di mezzi e personale ereditate dai precedenti gestori, Autolinee Toscane, al subentro, con la difficoltà di mantenere il servizio in continuità, acuita dall’ondata di contagi che ha coinvolto fino a 700 conducenti in un solo giorno, nel rispetto del contratto, ha deciso di avviare una grande campagna di assunzioni, in una fase acuta in cui è fortissima la carenza di conducenti in tutta Italia (secondo le ultime stime elaborate dalle associazioni di categoria in Italia per autotrasporto e trasporto pubblico mancano tra i 15 ed i 20.000 conducenti)”.

    “Campagna – viene precisato – peraltro avvenuta proprio durante l’ultima fase della pandemia, con gli evidenti problemi che si possono immaginare per fare colloqui, visite mediche, prove su strada etc. Dal primo giorno di gestione l’azienda ha potuto contare solo su meno di 4.000 conducenti rispetto ai 4.300 attesi al subentro. Autolinee Toscane ha confermato fin da subito 47 conducenti precari il cui contratto terminava con i precedenti gestori ed ha subito assunto 50 conducenti”.

    “Successivamente – spiega ancora AT – in poche settimane, ha preparato ed avviato una ulteriore fase di assunzioni, una campagna tra le più importanti in Toscana da anni, aprendo un portale dedicato – per velocizzare le procedure – con l’obiettivo di assumere oltre 200 nuovi conducenti entro il 2022 (300 entro la metà del 2023). E il piano prevede altre 130 assunzioni l’anno per la durata della concessione”. 

    “Dopo 7 mesi di gestione – viene riferito – Autolinee Toscane ha ricevuto 773 candidature, svolto 553 colloqui ed ha assunto complessivamente 173 conducenti. Un numero alto, grazie ad uno sforzo imponente degli uffici, ma non ancora sufficiente a sopperire alle carenze ereditate. A fronte di questo, infatti, il saldo è positivo di poco rispetto al turn over. Ma già dalle prossime settimane il saldo aumenterà con ulteriori 42 assunzioni”.

    “Inoltre – continua il gestore – in aggiunta a questi ingressi, Autolinee Toscane ha deciso di avviare parallelamente a questo piano di assunzioni, tutt’ora in vigore e che sarà ulteriormente pubblicizzato, l’istituzione di una Accademia per aspiranti conducenti – un caso quasi unico in Italia -, tra i 21 e i 29 anni, sostenendone le spese per l’ottenimento di patente D e abilitazione CQC (uno dei motivi e criteri di accesso che rende difficile trovare personale). Un corso è già partito a Firenze, coinvolgendo 20 studenti, ed un altro si replicherà, sempre a Firenze, a settembre, per altri 20, oltre ad altri 10 nel dipartimento sud (Siena, Grosseto, Arezzo)”.

    Ma non è tutto: “”L’azienda però si sta già muovendo per estendere questa possibilità anche a coloro che hanno più di 29 anni, con un modello simile che sostenga comunque le spese per acquisire patente D e CQC (dal costo medio tra i 3 e i 4 mila euro)”.

    “Tutte queste azioni – viene rimarcato – sono avvenute aumentando il numero dei km offerti ai cittadini a Firenze, con linee sospese da anni e riattivate da Autolinee Toscane, come quelle del centro storico durante la pandemia (ultima, il C2), o nuovi servizi come quelli per il polo di Sesto Fiorentino, con servizi aggiuntivi anche per i numerosi eventi del capoluogo toscano”.

    “Oltre al portale per la campagna straordinaria di assunzione e alla scuola di formazione – viene sottolineato – Autolinee Toscane auspica che il recente accordo sul rinnovo del CCNL con relativo miglioramento economico, unito all’iniziativa aziendale di dare buoni pasto e una somma annuale per il welfare aziendale – e altre iniziative che riguardano il confronto con i sindacati, mai assente, sono stati svolti oltre 100 incontri con tutte le sigle regionali e aziendali – possano rendere questa professione maggiormente attrattiva”.

    “L’azienda ha inoltre aumentato anche l’indennità di presenza – si aggiunge – per 450 euro l’anno circa in più rispetto al contratto che ha avuto, appunto, recentemente un aumento medio di circa 100 euro al mese. Infine, sono stati introdotti altri sostegni, come la tutela legale gratuita da parte dell’azienda. Complessivamente, un autista appena assunto guadagna almeno 290 euro lordi in più al mese del contratto nazionale base. Quindi un neo-assunto può guadagnare dopo poche settimane dall’ingresso circa 1.400 euro (al netto del rinnovo contrattuale)”.

    “La crisi nella ricerca di personale è peraltro non settoriale – conclude AT – ma trasversale a molte categorie professionali in tutto il nostro Paese (in realtà, di molti Paesi). Come sempre, e come fatto fin da prima del suo ingresso, Autolinee Toscane resta aperta alla collaborazione e dialogo con tutte le amministrazioni locali”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...