spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Massimo Braccini, segretario Fiom Toscana, coordinatore sindacale Fiom settore camper

    Sarà riferimento per migliaia di lavoratori impiegati nella nostra area, nella "camper valley" Ponterotto-Val d'Elsa

    FIRENZE – Una nomina che interessa in particolare il nostro territorio, quello fra Chianti fiorentino e Val d'Elsa, la cosiddetta "camper valley".

     

    Massimo Braccini, segretario generale della Fiom Toscana, è stato nominato coordinatore sindacale Fiom per il settore dei camper

     

    Nomina arrivata a margine della riunione delle Rsu Fiom delle aziende interessate al settore dei camper e le strutture sindacali Fiom di Firenze e Siena;per discutere sulla situazione del settore, i cambiamenti che si prospettano, i carichi di lavoro, gli assetti organizzativi delle varie imprese, le condizioni di lavoro, la sicurezza e l’ambiente nei vari luoghi di lavoro, gli appalti che ruotano intorno al settore.

     

    Nel comparto delle aziende che producono camper tra le province di Firenze e Siena (che si presenta come una specie di distretto) si riscontrano migliaia di addetti e importanti marchi aziendali quali Laika, Triganò, Sea, Luano.

     

    Le Rsu Fiom e la Federazione dei meccanici Cgil di Firenze e Siena hanno convenuto sulla necessità di avviare un lavoro di analisi ed uno specifico studio di settore, anche al fine di definire linee sindacali che diano risposte contrattuali a tutti i lavoratori.

     

    Il coordinamento sindacale tornerà a riunirsi il prossimo mese per approfondire e analizzare i dati settoriali e per definire specifiche linee di indirizzo contrattuali.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...