spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 24 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La prima campanella dell’anno scolastico 2016-2017 suona il 15 settembre, un giovedì

    Pronto il calendario scolastico deciso dalla Regione Toscana per il prossimo anno. Si va a scuola fino al 10 giugno

    TOSCANA – Il calendario scolastico 2016-2017 è già pronto, almeno nelle sue direttive regionali. Poi ogni scuola toscana avrà comunque modo e tempo, entro il 10 giugno, per decidere piccoli adattamenti. La prima campanella sarà dunque il 15 settembre, un giovedì, e l'ultimo giorno di scuola (ma solo per chi fa lezione anche il sabato) il 10 giugno.

     

    Due anni fa la Regione ha fissato precise linee guida, che di fatto consentono di costruire una sorta di calendario perpetuo. Così non c'è più bisogno di una delibera nuova ogni anno.
    Nelle settimane scorse l'assessore Cristina Grieco, assieme all'ufficio scolastico regionale, ha inviato una comunicazione a tutte le scuole. Per legge un anno scolastico è valido solo se conta non meno di duecento giorni di attività didattica: la Toscana ne propone uno di 205 per gli istituti aperti anche il sabato e di 172 per chi termina le lezioni al venerdì.

     

    Le vacanze di Natale inizieranno di sabato, il 24 dicembre, per concludersi il 6 gennaio, un venerdì; quelle di Pasqua saranno dal 13 al 18 aprile, dal giovedì al martedì compresi. Per i 'ponti' ogni scuola si regolerà da sola.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...