spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Caro bollette: “Sarà un autunno drammatico per oltre 900mila famiglie toscane”

    Appello Cgil-Sunia-Federconsumatori alle istituzioni: "Impegni concreti ed urgenti, che prevedano ad esempio dilazioni del distacco delle utenze singole e condominiali in caso di morosità"

    FIRENZE – “Nel corso di questo anno Cgil, Sunia e Federconsumatori della Toscana sono più volte intervenute per denunciare la progressione insostenibile degli aumenti delle bollette di luce, gas e carburanti, insufficientemente mitigati dai provvedimenti governativi finora messi in atto”.

    A dirlo sonmo Cgil Toscana (Maurizio Brotini e Simone Porzio), Sunia Toscana (Laura Grandi), Luca D’Onofrio (Federconsumatori Toscana).

    Che poi lanciano l’allarme rosso: “Il prossimo autunno, e ancor più il prossimo inverno, la questione dell’insostenibilità dei costi delle utenze domestiche e condominiali, uniti a quelli dei mutui prima casa e degli affitti, investirà come uno tsunami migliaia di famiglie toscane di lavoratori, pensionati e studenti fuori sede”.

    “Con grande preoccupazione e allarme – rilanciano – chiediamo ancora una volta non solo alle istituzioni nazionali, ma anche a Regione ed enti locali, impegni concreti ed urgenti che prevedano dilazioni del distacco delle utenze singole e condominiali in caso di morosità”.

    E ancora, “rateizzazione del pagamento delle bollette senza applicazione di interessi, costituzione di un apposito fondo sociale per il contrasto al caro energia a sostegno delle famiglie di lavoratori con basso reddito, cassa integrati, licenziati, pensionati al minimo”.

    “Per raggiungere questi obiettivi – proseguono – chiediamo che i Comuni, gli ambiti A.T.O. e L.O.D.E. Erp, esercitino appieno il loro ruolo pubblico utilizzando, in via straordinaria ed urgente, gli utili e i dividendi che provengono dalle loro società di servizi partecipate per alimentare ed erogare il fondo”.

    “Se non si interverrà – prevedono in conclusione – oltre 900.000 famiglie toscane, di cui 220.000 già economicamente compromesse dal caro affitti, dalla scadenza dello sfratto, dalla rata del mutuo, da rapporti di lavoro precario e sottopagato, collasseranno, anche unitamente a interi sistemi produttivi, esasperando il disagio sociale e le condizioni di povertà”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...