spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Chirurgia: al Serristori, in estate liste di attesa ridotte del 10%. E attività cresciuta di almeno tre volte”

    Lo afferma l'Asl Toscana Centro: "Interventi ambulatoriali e non; gestione in rete con gli altri ospedali. I risultati premiano la nuova organizzazione"

    FIRENZE – “L’ospedale Serristori di Figline Valdarno ha registrato nel periodo estivo un aumento degli interventi chirurgici eseguiti di almeno tre volte rispetto allo stesso periodo degli anni precedenti, con una diminuzione delle liste di attesa del 10%”.

    Lo rende noto l’Asl Toscana Centro, precisando anche che “questi positivi risultati sono stati raggiunti grazie a un lavoro in rete con gli altri ospedali, in particolare con il Santa Maria Annunziata e il San Giovanni di Dio”.

    “Come previsto dal Piano Rientro Liste di attesa Regione Toscana – prosegue l’Azienda Usl Toscana Centro – abbiamo predisposto una programmazione chirurgica per tutti gli ospedali orientata al massimo utilizzo delle risorse a disposizione in tutti gli stabilimenti ospedalieri, con particolare attenzione alle casistiche oggetto di monitoraggio della Regione”.

    “Su questo input – si precisa – presso l’ospedale Serristori era stata stimata una implementazione dell’utilizzo della sala operatoria superiore del 50% circa rispetto al periodo 2019”.

    “Questa riorganizzazione – viene evidenziato – che ha richiesto una stretta collaborazione in termini di risorse e di personale con gli altri ospedali fiorentini dell’Azienda, è stata avviata al Serristori già nel periodo marzo-aprile, quando una graduale ripresa delle attività con l’implementazione della chirurgia ambulatoriale aveva permesso l’attivazione di un percorso di presa in carico di interventi quali ernie inguinali e ombelicali, cisti e lipomi, lesioni cutanee, artroscopie, rimozione di mezzi di sintesi, revisioni di tendini, alluci valghi”.

    “Nel mese di maggio – prosegue l’Asl TC – l’ulteriore implementazione dell’utilizzo delle sale ha permesso di puntare su interventi quali ernie, colecisti, emorroidi per la Chirurgia Generale; l’implementazione dell’attività ortopedica ha permesso di allargare l’offerta focalizzando l’attività su spalla, ginocchio e piede. Il ricovero avviene in regime diurno e ordinario, con degenza di più giorni dove previsto”.

    “Quanto era stato stimato è stato quindi confermato nel periodo estivo – si rilancia – Ora si punta a stabilizzare i risultati raggiunti e a cercare nuove collaborazioni, in base alle necessità e grazie alla collaborazione di tutti”.

    “Dalla Direzione di Presidio – conclude l’Asl TC – un ringraziamento speciale va al personale medico Marco Scatizzi, Marco Rontini, Marco Mugnaini, Vittorio Pavoni, Mauro Cavuta, agli infermieri Patrizia Grassi, David Ciani, Rinaldo Toniaccini, Tiziana Tappetti e a tutti quelli che hanno collaborato a questa riorganizzazione con passione e flessibilità e che stanno investendo con entusiasmo in questo progetto”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...