spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ci sono ancora 5.500 utenze in tutta la Toscana alle quali manca la corrente elettrica

    Il presidente regionale Giani: "Le riparazioni da parte dell'Enel sono andate avanti tutta la notte. Sta intervenendo su quelle che rimangono"

    FIRENZE – Sono ancora in molti, anche nel nostro territorio (abbiamo segnalazioni più o meno da tutti i comuni), a lamentare la mancanza di corrente elettrica.

    E fra poco saranno quasi 24 ore. Utente private, ma anche attività. Ricettive. Commerciali.

    Molti, comprensibilmente arrabbiati, si chiedono come mai la luce ancora non sia tornata. E come sia possibile che non venga fornito un lasso di tempo entro il quale possono aspettarsi il suo ritorno.

    “Le riparazioni da parte di Enel sono andate avanti tutta la notte – fa sapere il presidente regionale Eugenio Giani – e su oltre 2.7000 mila utenze rimaste senza corrente, ne sono state riattivate 21.500. Sta intervenendo su quelle che rimangono”.

    “In questo momento – fa il punto meteo – ci sono temporali sparsi sul mare di fronte alla costa, in mattinata dovrebbero entrare e transitare sulle aree interne nel pomeriggio, l’allerta gialla rimane per ora fino alle 20 di oggi”.

    “Un immenso grazie di cuore a tutte le donne e uomini del sistema regionale di Protezione Civile – conclude – vigili del fuoco, forze di polizia e Comuni impegnati da ieri senza sosta nelle operazioni di ripristino, la Toscana è orgogliosa di voi”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...