spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un cinghiale di un quintale catturato nell’area dell’ospedale di Careggi

    La questione ungulati è ormai sbarcata ampiamente anche in aree densamente urbanizzate

    FIRENZE – La questione ungulai è ormai talmente diffusa da non riguardare più solo e soltanto chi vive in campagna. Anche in aree densamente antropizzate e urbanizzate… le situazioni ormai sono anche grottesche.

     

    Così giovedì 20 ottobre la polizia della Città Metropolitana di Firenze ha catturato un esemplare di cinghiale maschio, di circa un ,all'interno dell'Azienda Ospedaliera Università di Firenze. A Careggi

     

    "Il fatto può apparire singolare – spiega il comandante Roberto Galeotti – ma in realtà non è che l'ennesima cattura effettuata dalla polizia della Metrocittà nello stesso luogo".

     

    Infatti durante il mese di ottobre, nel corso di una sessione di catture con l'utilizzo di una trappola selettiva posizionata all'interno della zona verde della struttura ospedaliera, sono stati catturati 20 cinghiali.

     

    Gli animali appartenenti a varie classi di età sono stati spostati all'interno di recinti adibiti al loro contenimento come previsto dalla normativa vigente in materia.

     

    "Negli ultimi anni – avverte Angelo Bassi, consigliere metropolitano delegato alla Polizia della Metrocittà e alla protezione civile – gli animali selvatici stanno colonizzando aree antropizzate, in particolare nell'hinterland fiorentino, creando problemi di sicurezza pubblica e incolumità".

     

    Una situazione analoga su cui la polizia della Città Metropolitana di Firenze sta ad oggi lavorando, con l'utilizzo di trappole selettive, si sta verificando nella zona di Pian dei Giullari nel comune di Firenze.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...