spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Coldiretti: “Export agro alimentare toscano verso il record nel terzo trimestre del 2021, +12,4%”

    "In testa alla classifica delle esportazioni agroalimentari c'è il vino che nei primi nove mesi del 2021 ha fatto segnare un + 20% per un valore complessivo di circa 815 milioni di euro"

    FIRENZE – “L’agroalimentare Made in Tuscany corre veloce verso il record delle esportazioni che fanno registrare un balzo del 12,4% nel terzo trimestre del 2021”.

    Lo dice Coldiretti Toscana: “Il valore dell’export di vino, olio, frutta ed altri prodotti agricoli ed agroalimentari toscani è aumentato rispetto ad un anno prima di 240 milioni di euro nonostante il clima di incertezza legato all’emergenza sanitaria”.

    E’ quanto emerge dalla proiezione di Coldiretti Toscana sulla base dei dati Istat relativi al commercio estero nei primi nove mesi del 2021.

    “Se questo sarà il trend anche nell’ultimo trimestre, per la prima volta le esportazioni potrebbero superare i tre miliardi di euro e contando il contesto in cui ci troviamo sarebbe un risultato più che eccezionale” spiega Fabrizio Filippi, presidente Coldiretti Toscana.

    “Il nostro agroalimentare – prosegue – trainato dal primato dalle certificazioni di qualità DOP e IGP ha dimostrato una straordinaria capacità di reazione e posizionamento sui mercati esteri. Tutti i principali mercati di riferimento, da quello europeo che vale quasi il 60% del totale del commercio estero a quello americano, fanno registrare un segno più”.

    L’emergenza sanitaria del Covid-19 “ha provocato – dice Coldiretti – una svolta salutista nei consumatori a livello globale che hanno privilegiato la scelta nel carrello di prodotti alleati del benessere come quelli della dieta mediterranea. E si registra anche un impatto positivo sulle vendite all’estero della vittorie sportive che hanno dato prestigio all’immagine del Made in Italy”.

    “In testa alla classifica delle esportazioni agroalimentari – viene aggiunto – c’è il vino che nei primi nove mesi del 2021 ha fatto segnare un + 20% per un valore complessivo di circa 815 milioni di euro”.

    Il mercato europeo è il principale sbocco commerciale per il Made in Tuscany con quasi 1,3 miliardi di euro di esportazioni con il 15% in più; il primo Paese consumatore è quello tedesco dove sono finiti oltre 300 milioni di euro di produzioni nostrane, in crescita del 9%.

    I cugini d’oltralpe che valgono il 17% del mercato europeo, hanno acquistato 227 milioni di euro di vino ed altri prodotti che tradotto significa + 27%.

    La Brexit, almeno fino a questo momento, non ha influito sull’amore per gli inglesi per il nostro paniere.

    Le esportazioni verso il Regno Unito sono cresciute di 10 milioni di euro fino a qui. Bene anche gli Stati Uniti con 551 milioni di euro di prodotti acquistati, Canada +10% e Cina con + 73% e 40 milioni di euro totali.

    Alla base del successo del Made in Italy c’è un’agricoltura che è diventata la più eco compatibile d’Europa con la leadership Ue nel biologico a cui la Toscana contribuisce con 5.271 operatori, 463 specialità alimentari tradizionali, il primato in Italia per numero di DOP, IGP e SGT con 92 prodotti per un valore complessivo delle produzioni di 1,156 milioni di euro e con Campagna Amica la più ampia rete dei mercati di vendita diretta degli agricoltori.

    Il primato del Made in Tuscany del cibo e del vino lo rende però anche il più minacciato.

    “Con 614 tentativi di truffe online in cinque anni è il più imitato al mondo – spiega ancora Filippi– Il 13% del totale dei tentativi di imitazione, contraffazione o taroccamento sul web sono a danno dell’agroalimentare toscano”.

    “Ecco perché – conclude – per tutelare i nostri primati è indispensabile puntare su etichettatura d’origine, trasparenza, tracciabilità: elementi distintivi ed imprescindibili che impediscono che vengano spacciati come made in Italy prodotti di bassa qualità importati che non rispettano i rigidi standard  nazionali”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...