spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 25 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Educare alla sicurezza: dalla Regione 189mila euro a disposizione delle scuole

    Potranno presentare progetti (meglio se in "team"): previsto un finanziamento fino a un massimo di 5mila euro l'uno

    TOSCANA – Dopo la delibera che approva il Progetto strategico regionale 2016-2020 per la sicurezza sul lavoro, che destina quasi 8 milioni di euro a varie azioni di prevenzione e vigilanza, parte un'importante iniziativa di prevenzione e promozione della cultura della sicurezza. E parte proprio dalla scuola e dall'educazione dei giovani.

     

    La Regione Toscana ha promosso e finanziato un bando di concorso rivolto agli istituti scolastici toscani per l'assegnazione di contributi a progetti educativi elaborati dalle scuole.

     

    Il bando, per conto di Regione Toscana, è stato indetto dal Polo regionale per la formazione alla sicurezza SAFE dell'Azienda Usl Toscana Centro, e ha visto la collaborazione dell'Ufficio scolastico regionale per la Toscana e di Inail regionale, con i quali da anni esistono proficui rapporti di collaborazione e sinergie.

     

    Tanto che a breve verrà rinnovato il Protocollo d'intesa fra i tre Enti "per la creazione del Sistema toscano in materia di sicurezza e salute nelle scuole".

     

    Possono partecipare al bando Istituti di scuola primaria, Istituti tecnici e professionali a indirizzo agrario, Istituti tecnici e tecnologici indirizzo Costruzioni, ambiente e territorio. Il finanziamento complessivo è di 189.000 euro, e ad ogni progetto sarà destinato l'importo di 5.000 euro. I progetti potranno essere presentati a partire dal 7 marzo 2016, fino al 25 maggio 2016.

     

    Non è, questo, l'ennesimo progetto che va ad aggiungersi all'attività didattica curriculare, ma un supporto a questa, per stimolare e sensibilizzare gli insegnanti a trattare, nell'ambito della propria materia, anche i temi della sicurezza e salute negli ambienti di vita e di lavoro.

     

    Un'educazione alla sicurezza e salute che parte dai più piccoli e poi si specializza e focalizza sull'acquisizione di competenze specialistiche da parte degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, con particolare riferimento all'ambito dell'agricoltura e dell'edilizia, settori in alto alle "classifiche" di rischio.

     

    Si punta alla realizzazione di progetti educativi interdisciplinari e, negli istituti superiori, anche a interventi nell'ambito delle attività di collaborazione tra scuola e mondo del lavoro. Le attività dovranno essere pratiche, puntare alla modifica dei comportamenti più che all'acquisizione astratta di norme e procedure. E' prevista anche la realizzazione di un prodotto finale, a cura degli studenti.

     

    Per la buona riuscita del progetto si auspica che gli istituti riescano a fare rete con altri istituti scolastici della stessa tipologia, e sul territorio con enti, parti sociali, imprese ecc. Le Aziende Usl toscane saranno a disposizione degli Istituti scolastici per assistenza, supporto e informazione.

     

    Una commissione esaminatrice, appositamente insediata, e composta da rappresentanti della Regione Toscana, dell'Ufficio scolastico regionale per la Toscana e dell'Inail, valuterà i progetti presentati.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...