spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 21 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Elisoccorso sanitario nelle aree di confine, giunta autorizza firma dell’intesa

    Intesa fra Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna,Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Toscana e le province autonome di Bolzano e Trento

    FIRENZE – Accordo sull’elisoccorso sanitario per coprire le aree di confine tra le diverse regioni. La giunta regionale ha autorizzato la firma per l’intesa con Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna,Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Toscana e le province autonome di Bolzano e Trento.

    Di fatto il protocollo, valido fino alla fine del 2027, disciplina la possibilità di attivazione del servizio in caso di soccorso primario, ovvero laddove preveda l’assistenza e eventuale trasferimento del paziente dal luogo in cui si è verificato l’evento al presidio ospedaliero più idoneo, in caso di rischio per la salute o la sopravvivenza delle persone.

    “Lo scopo dell’intesa – spiega l’assessore al diritto alla salute Simone Bezzini, che ha portato in giunta l’atto – è quello di assicurare il servizio di elisoccorso più efficace possibile nelle aree di confine, in particolare per quelle situazioni in cui la variabile tempo costituisce un fattore determinante”.

    Il protocollo fa seguito alle previsioni del regolamento ministeriale sugli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all’assistenza ospedaliera che nel caso dell’elisoccorso, data la peculiarità del servizio e dei mezzi, invita le Regioni a coprire le aree di confine con interventi sinergici.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...