spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Coronavirus, il bollettino: 184 casi in Toscana. Morto un ragazzo di 30 anni nel pisano

    I dati diffusi dalla Regione evidenziano però, nel dato di oggi, un calo sensibile nel numero dei tamponi: solo 587

    FIRENZE – Sono 184 i nuovi casi positivi al Coronavirus registrati in Toscana a ventiquattro ore dal precedente bollettino.

     

    Dato che però è di scarso rilievo statistico rispetto a quelli dei giorni scorsi, visto che i tamponi effettuati, come comunica la Regione, sono stati solo 587: un drastico calo rispetto agli ultimi giorni, quando i tamponi erano nell'ordine di 1.300-1.500-1.700 al giorno. Probabilmente dovuto alle modalità di elaborazione e comunicazione da parte dei laboratori.

     

    E nonostante l'annuncio della stessa Regione di voler aumentare in modo massiccio, già a partire da questa settimana, l'uso dei tamponi. 

     

    Salgono dunque a 2.461 i contagiati dall’inizio dell’emergenza, 21 le guarigioni virali (i cosiddetti "negativizzati"), 30 le guarigioni cliniche e 109 i decessi. I casi attualmente positivi in cura sono 2.301.

     

    Per quanto riguarda i ricoveri, a oggi sono in totale 1.076 (+155 di ieri) di cui 238 in terapia intensiva (+23 di ieri).

     

    Fra i 18 decessi che si sono verificati in Toscana nelle ultime 24 ore, non si può non notare quello di un ragazzo di 30 anni di San Giuliano Terme (Pisa).

     

    Altri dettagli non vengono diffusi, la Regione dice solo che per tutti i deceduti in Toscana fin dall'inizio dell'emergenza "si tratta di persone di età compresa tra i 30 e i 100 anni, tutte affette da più patologie".

     

    Questa, purtroppo, la lista dei decessi in Toscana nelle ultime 24 ore (con l'indicazione di sesso, età, Comune del domicilio): M. 87, Pontremoli; M. 69, Massa; M. 70, Piombino; M. 82, Lucca; F. 85, Fivizzano; M. 77, Casciana Terme; M. 90, Pontremoli; F. 86, Bagnone; M. 82, Carrara; M. 97, Fivizzano; M. 85, Pisa; U. 30, San Giuliano Terme; M. 81, Pisa; M. 89, Carmignano(PO); M. 85, Pontassieve; F. 90, Agliana(PT); M. 84, Quarrata(PT); M. 86, Chiusi (SI).

     

    Dei 2.461 tamponi risultati positivi questa è la suddivisione per provincia di segnalazione, che non sempre corrisponde necessariamente a quella di residenza: 548 Firenze, 229 Pistoia, 137 Prato (totale Asl centro: 914), 363 Lucca, 289 Massa-Carrara, 266 Pisa, 140 Livorno (totale Asl nord ovest: 1.058), 128 Grosseto, 160 Siena, 201 Arezzo (totale sud est: 489).

     

    Dal 1° febbraio a oggi nei laboratori toscani sono stati effettuati in tutto 13.851 tamponi su 12.612 casi.

     

    I laboratori impegnati nel testare i tamponi sono: i tre laboratori di microbiologia e virologia delle tre aziende ospedaliere universitarie di Careggi, Pisa e Siena, in funzione dall’inizio di febbraio, a cui negli ultimi giorni se ne sono aggiunti altri sei: Ispro (Istituto per lo studio, la prevenzione e la rete oncologica), i laboratori di Arezzo e Grosseto (Asl sud est), Livorno e Lucca (Asl nord ovest), più un laboratorio privato.

     

    Dal monitoraggio giornaliero sono 9.324 le persone in isolamento domiciliare in tutta la Toscana: 3.569 nella Asl centro, 2.895 nella Asl nord ovest, 2.860 nella Asl sud est.

    di REDAZIONE

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...