spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 21 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Emergenza falsi addetti del servizio idrico: Publiacqua lancia la campagna “Attenzione alle truffe!”

    Rivolta in particolare ad anziani e persone fragili: sarà promossa grazie anche alla collaborazione con tutti i Comuni in cui il servizio idrico è gestito da Publiacqua

    FIRENZE – Sempre più spesso, in particolare negli ultimi mesi, sono avvenute truffe (o tentate truffe) da parte di falsi addetti del servizio idrico.

    Così Publiacqua, in collaborazione con i Comuni di Firenze, Prato, Pistoia e la Polizia di Stato lancia la campagna “Attenzione alle truffe!”.

    Un’iniziativa di prevenzione ed informazione rivolta a tutti i cittadini del territorio dove l’azienda gestisce il servizio idrico ed in particolare alle persone anziane e fragili.

    La campagna sarà promossa grazie anche alla collaborazione chiesta agli altri 46 Comuni del territorio dove il servizio idrico è gestito da Publiacqua.

    Alla presentazione della campagna erano presenti, tra gli altri, Lorenzo Perra, presidente di Publiacqua; Benedetta Albanese, assessore alla sicurezza urbana del Comune di Firenze; Flora Leoni, assessore alla sicurezza urbana del Comune di Prato; Gabriele Sgueglia, assessore alle politiche ambientali, rifiuti, acqua ed energia del Comune di Pistoia.

    C’è stato anche il contributo del commissario capo della polizia di Stato, dottoressa Nadia Giannattasio, della divisione polizia anticrimine della Questura di Firenze; e del commissario della polizia di Stato dottoressa Giulia Serra, della Questura di Prato.

    UNA CAMPAGNA DI PREVENZIONE

    Una campagna urgente. Così ci appare alla luce delle ripetute segnalazioni arrivate dal territorio in queste ultime settimane e che, come ogni anno, rischiano di aumentare con l’arrivo della bella stagione e delle vacanze.

    Una campagna che sarà diffusa su tutto il territorio dei 46 Comuni dove Publiacqua gestisce il servizio idrico attraverso l’affissione dei manifesti e distribuzione di depliant negli uffici pubblici, la programmazione di spot sulle radio e sulle tv del territorio, l’acquisto di spazi sui maggiori quotidiani e l’utilizzo di post dedicati sulle pagine social aziendali.

    A queste attività saranno affiancati poi incontri pubblici presso circoli, sedi di centri anziani. in coordinamento e collaborazione con le amministrazioni comunali e le forze di polizia locale.

    I DISEGNI DI LEONARDO CARDINI

    Per dare anima e forza alla campagna ci siamo affidati ai fumetti. Sia il poster che il depliant raccontano in maniera leggera le situazioni, reali e “drammatiche”, che nel corso degli anni sono state raccontate dalle vittime di truffatori.

    Delinquenti che, spacciandosi per operatori della nostra azienda, hanno inventato ed accampato scuse e pretesti per entrare nelle case e rubare soldi o preziosi.

    Scuse o pretesti che a volte possono sembrare incredibili e che invece hanno convinto decine di persone ad aprire la porta della propria abitazione a questi truffatori.

    Dalla verifica dei consumi e della bolletta dell’acqua al pericolo di inquinanti vari nell’acqua, tutto questo si trova condensato nelle vignette raccolte nel materiale informativo che sarà distribuito ai cittadini e nel quale è ben evidente il messaggio fondamentale di questa campagna e cioè che Publiacqua non entra nelle abitazioni private.

    Attenzione alle truffe Presentazione

    L’IMPEGNO DI PUBLIACQUA PER LA LEGALITA’

    “La campagna che parte oggi – spiega Publiacqua – è in linea ed è quindi perfettamente coerente con l’impegno che l’azienda ha profuso nel campo della legalità e della sicurezza. Un impegno che nel 2021 ci ha visto  intraprendere un percorso finalizzato a rafforzare il sistema di prevenzione della corruzione, integrando le regole di controllo previste ai sensi del D.Lgs. 231/2001 con gli standard previsti dalla norma UNI ISO 37001:2016”.

    “Il percorso di certificazione – viene precisato – è stato condotto attraverso un’attività di mappatura dei processi aziendali sensibili e l’individuazione di protocolli funzionali alla mitigazione del rischio specifico individuato. A completamento del processo sono stati, introdotti o rafforzati una serie di controlli idonei sia alla prevenzione di fenomeni corruttivi che alla sensibilizzazione e formazione specifica del personale su tale tematica”.

    “A queste attività – dice ancora Publiacqua – si affianca, infine, un impegno sempre maggiore sul fronte della sicurezza sul lavoro. Ci siamo dotati di uno spazio dedicato alla formazione sulla sicurezza del proprio personale operativo (Officina Prevenzione e Sicurezza). Una “palestra” in cui dal 2021 ad oggi sono state fornite 1.800 ore di formazione”.

    “Troviamo semplicemente disgustosi – sono le parole del presidente di Publiacqua, Lorenzo Perra – gli episodi che anche nelle settimane scorse hanno avuto come vittime persone anziane ed in buona fede. Episodi che, dal nostro punto di vista, assumono una gravità anche maggiore visto che per truffare queste persone viene utilizzato il nome della nostra azienda”.

    “Per questo – conclude Perra – dopo aver diramato comunicati ed acquistato spazi sui giornali e nonostante questo aver visto il ripetersi di questi episodi, abbiamo deciso di promuovere una vera e propria campagna di sensibilizzazione ed informazione rivolta agli anziani ma anche alle loro famiglie. Una campagna a cui teniamo moltissimo e che speriamo davvero possa contribuire ad arrestare questo disgustoso fenomeno”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...