spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 13 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vaccino antinfluenzale, sui canali social notizie vecchie e fuorvianti

    Agenzia italiana del farmaco ribadisce l'importanza di vaccinarsi contro la malattia stagionale

    FIRENZE E TOSCANA – Stanno circolando in queste ore sui canali social (Facebook e Twitter) notizie vecchie e fuorvianti sul vaccino antinfluenzale, secondo le quali Aifa (Agenzia italiana del farmaco) avrebbe vietato l'utilizzo dei vaccini, in quanto responsabili di decessi.

     

    Sul suo sito, Aifa smentisce decisamente queste notizie: "Gli articoli citati – si legge sul sito dell'Agenzia del farmaco – risalgono in realtà al 2014 e riportano notizie di decessi che in nessun caso sono stati correlati alla somministrazione dei vaccini, come è emerso dagli approfondimenti scientifici condotti in seguito dalle autorità nazionali ed europee".

     

    "Si tratta dunque – chiarisce ancora Aifa – di una notizia fuorviante, che rischia di arrecare danno alla campagna di vaccinazione antinfluenzale in corso. Aifa ribadisce l'importanza di vaccinarsi contro l'influenza stagionale, in particolare per le categorie più a rischio (soprattutto anziani e persone di tutte le età con patologie di base che aumentano il rischio di complicanze in corso d'influenza), e di non lasciarsi condizionare da false notizie circolanti in rete".

     

    La Regione Toscana riprende e rilancia l'invito di Aifa a ignorare queste bufale e a vaccinarsi. Ad oggi, il servizio di farmacovigilanza della Regione non ha ricevuto alcuna segnalazione di eventi avversi da vaccino, né tantomeno di decessi.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...