spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 8 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Giani: “Dopo ordinanza temporanea sto lavorando per eliminare per sempre possibilità di tenere cani alla catena”

    La scelta è fatta: mai più, in Toscana, per nessun motivo, cani legati a catena in cucce, capanni e quant'altro

    FIRENZE – A margine dell’ordinanza che, visto il pericolo di incendi, ha vietato in Toscana (nei casi previsti dalla legge) ogni possibilità di tenere cani legati alla catena, il presidente regionale Eugenio Giani fa già un passo oltre.

    # Rischio incendi, vietato tenere cani alla catena: ordinanza del presidente della Toscana

    “Dopo la mia ordinanza che vieta di tenere i cani legati alla catena – annuncia – sto già lavorando per cambiare la legge e porre fine a questa pratica barbara!”.

    “La proposta che farò al consiglio regionale della Toscana – annuncia – non interverrà sulla conduzione dei cani nelle aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico”.

    “Che – precisa in conclusione Giani – rimane disciplinata da una legge statale sull’incolumità pubblica e che stabilisce le modalità di utilizzo del guinzaglio e della museruola”.

    Ma la scelta è fatta: mai più, in Toscana, per nessun motivo, cani legati a catena in cucce, capanni e quant’altro. 

    Non solo in questo periodo ad elevato rischio incendi ma, per sempre.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...