spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Grave carenza sangue: le Avis della Toscana al lavoro per la chiamata dei donatori

    "Invitiamo tutti i donatori di gruppi sanguigni registrati in carenza ad attivarsi e privilegiare la donazione di sangue intero. Ma anche gli altri non abbassino la loro disponibilità"

    TOSCANA – Sono al lavoro le 185 sedi Avis della Toscana per intensificare la chiamata dei donatori vista la situazione di carenza di sangue registrata in queste ore.

    Volontari, operatori, giovani in servizio civile e dirigenti dell’associazione stanno mettendo in campo tutte le risorse e le relazioni necessarie in uno sforzo straordinario per aumentare le donazioni in un momento di necessità da parte del sistema sanitario. 

    Come evidenziato dal Meteo del sangue – lo strumento regionale di misurazione della disponibilità di sangue per le cure del sistema sanitario – la situazione attuale in Toscana registra delle necessità di sangue intero in particolare per i gruppi A e 0 sia positivi sia negativi e fragilità per i gruppi AB positivo e B sia positivo sia negativo.

    “Avis Regionale Toscana – sottolinea il presidente Adelmo Agnolucci – invita tutti i donatori di gruppi sanguigni registrati in carenza ad attivarsi e privilegiare la donazione di sangue intero. Per quelli dei gruppi dove la raccolta è stabile o in eccedenza si raccomanda di non abbassare la disponibilità a donare, ma optare per la plasmaferesi”.

    “E’ possibile farla anche qualche giorno dopo la donazione di sangue intero – precisa il presidente – e comunque ad intervalli meno lunghi rispetto ad essa”.

    “Il Centro Nazionale Sangue – aggiunge Agnolucci – ci ha chiesto di attivare azioni di supporto straordinarie a livello locale volte ad intensificare la chiamata e la raccolta”.

    “Rispondiamo come sempre all’appello – rivendica – consapevoli che le associazioni hanno già dato moltissimo per la tenuta delle donazioni nell’emergenza sanitaria da Covid-19 che stiamo vivendo”.

    “L’incremento delle donazioni di Avis – conclude Agnolucci – racconta questo sforzo, sia nel 2020 sia, nella misura dell’1,7% rispetto alle prime due settimane dello scorso anno, nel 2021. Ma non ci fermiamo, e continuiamo ad intensificare il nostro impegno viste le necessità registrate”. 

    Avis Regionale Toscana ricorda che per donare è necessaria la prenotazione e le Avis del territorio sono a disposizione per fornire tutte le informazioni e fissare le prenotazioni stesse. 

    Tutti i contatti sono reperibili sul sito di Avis Toscana.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...