spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il dottor Massimo Gabbanini nuovo direttore dell’Uoc Ostetricia e ginecologia di Campostaggia

    "Nomina che mi onora e mi rende profondamente felice, essendo il frutto di un impegno professionale e umano che continuerò con entusiasmo, umiltà e serietà"

    POGGIBONSI – Il dottor Massimo Gabbanini è il nuovo direttore dell’Uoc Ostetricia e ginecologia dell’ospedale dell’Alta Valdelsa, all’esito della selezione pubblica.

    Ha lavorato all’Istituto nazionale dei tumori a Milano ed è stato dirigente medico di I livello all’Uoc Ginecologia e ostetricia degli ospedali San Donato di Arezzo e San Giuseppe di Empoli.

    “Una nomina importante – commenta Antonio D’Urso, direttore generale dell’Asl Toscana sud est – per il reparto di Ostetricia e ginecologia dell’ospedale di Campostaggia, a testimonianza della capacità della nostra Azienda di consolidare le proprie strutture in tutte le sue componenti”.

    “La grande attenzione al percorso nascita caratterizza l’Asl Toscana sud est – afferma – che anche in un anno di forte decrescita a livello nazionale come il 2020 ha saputo complessivamente andare in controtendenza, raggiungendo risultati positivi”.

    “La nomina a direttore dell’Uoc Ginecologia e ostetricia dell’ospedale Alta Valdelsa – prosegue il dottor Gabbanini – mi onora e mi rende profondamente felice, essendo il frutto di un impegno professionale e umano che continuerò con entusiasmo, umiltà e serietà”.

    “La gratitudine più forte – conclude – va ai miei genitori per essere sempre stati al mio fianco, per la costanza con cui hanno incoraggiato i miei studi e il mio lavoro”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...