spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 20 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il presidente Eugenio Giani: “Siccità, ecco il punto della situazione aggiornato per la Toscana”

    "È cresciuto il livello di attenzione con territori che manifestano segni di siccità ben oltre i livelli medi della stagione"

    FIRENZE – “Ho fatto il punto sulla situazione idrica della Toscana. È cresciuto il livello di attenzione con territori che manifestano segni di siccità ben oltre i livelli medi della stagione e oggi seguirà un nuovo aggiornamento”.

    Inizia così il “briefing” del presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, sullo stato della siccità e della carenza idrica.

    “Al Bilancino – prosegue – sono invasati 63 milioni di metri cubi (65 milioni 10 giorni fa) e a Montedoglio 59 milioni di metri cubi”.

    “Il lago di Massaciuccoli – continua – si sta abbassando verso la soglia che prevede la riduzione parziale dei prelievi ad uso irriguo, il fiume Serchio registra forte riduzione delle portate e sono stati vietati gli attingimenti lungo l’Ombrone grossetano”.

    “La riunione – rilancia – ha evidenziato la necessità di potenziare laghetti e invasi e realizzarne di nuovi pubblici e privati intervenendo in modo strutturale per ridurre la dispersione dell’acqua piovana. Analogo intervento anche sulle reti idriche per migliorare sempre di più il livello di manutenzione”.

    “Teniamo sotto monitoraggio tutta la regione – conclude Giani – e ricordiamoci sempre che l’acqua è un bene prezioso, non sprechiamola!”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...