spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 10 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il tartufo in giro per il mondo: dalla ristorazione internazionale, fino alla ricerca nei boschi

    Che il tartufo sia una prelibatezza che non è alla portata di tutti, è conosciuto fin dall'antichità. Il suo costo è principalmente dovuto alla grande difficoltà di ricerca

    Quanto costa il tartufo nelle varie Nazioni?

    Che il tartufo sia una prelibatezza che non è alla portata di tutti, è conosciuto fin dall’antichità. Il suo costo è principalmente dovuto alla grande difficoltà di ricerca, che impegna gli specialisti del settore per svariate settimane.

    Ovviamente anche la coltivazione resta altrettanto ardua, e non può essere messa in atto in qualsiasi parte della nostra penisola. Trovare un tartufo significa entrare in possesso di un alimento che ha un aroma e un gusto eccezionalmente unici, accompagnati da proprietà afrodisiache.

    Nella cucina dei grandi ristoranti del mondo non può mancare il tartufo, bianco o nero che sia. In alcuni ristoranti, i menù al tartufo hanno prezzi davvero esorbitanti.

    Al ristorante John Salt di Londra, un menu di Natale di quattro portate a base di tartufo, per quattro persone, ha un costo di 150.000 euro.

    Questi prezzi non sono ovviamente una tradizione puramente britannica, bensì possono essere ritrovati in altre parti del mondo, compresa l’Italia.

    Anche nel nostro Paese una deliziosa cenetta a base di tartufo può arrivare a costare migliaia di euro. Fortunatamente noi possiamo fare affidamento ai tartufi de’ larustichellatruffles.com, ottima qualità a prezzi convenienti per tutti!

    Il tartufo in Piemonte, direttamente nella regione di Alba

    In Italia, nella regione Alba del Piemonte, si trovano i famosi tartufi bianchi, soprannominati “diamanti bianchi”.

    La stagione delle ricerche inizia ad ottobre, ed è attesissima dai vari collezionisti e ricercatori del posto, ma non solo. Tantissimi sono anche gli stranieri che approdano in Piemonte solo per poter prendere parte a questa intensa esperienza.

    Sono difficili da trovare, a volte vengono utilizzati maiali e cani appositamente addestrati per tirarli fuori dal terreno, ma ne vale la pena dato il loro altissimo valore a cui abbiamo accennato anche in precedenza.

    Hanno un aroma unico, apprezzato dai consumatori più raffinati. I ristoranti più lussuosi del mondo fanno scorta di tartufi bianchi spendendo un sacco di soldi pur di riuscire ad accontentare la propria clientela.

    Gli intenditori dicono che negli ultimi anni la quantità di tartufo bianco è costantemente diminuita. Una notizia davvero molto triste, sopratutto se ci soffermiamo a pensare che il tartufo bianco non può essere in alcun modo coltivato.

    Vi siete però mai chiesti a cosa è dovuta l’intensa fragranza emanata da questa pietanza?
    Stando al mondo della scienza, è proprio grazie al loro nutrimento, che gli permette di assorbire tantissime sostanze nutritive.

    Persino il rinomato chef Tom Colicchio dice di amare i tartufi bianchi, in quanto non si stanca mai di sperimentare e creare nuove ricette con essi.

    Alla ricerca dei tartufi, qualche piccolo consiglio

    Volete cimentarvi nella raccolta di tartufi da soli, facendo affidamento solo sul vostro intuito e sulle autorizzazioni di cui siete in possesso? Allora siete arrivati al posto giusto proprio al momento giusto!

    Il primo consiglio che volgiamo darvi, è raggiungere il bosco qualche minuto prima che sorga il sole; in quel momento abbiamo la temperatura più bassa possibile, quindi le possibilità di trovare tartufi aumentano esponenzialmente.

    Se troviamo già altre auto in arrivo, la miglior cosa da fare è spostarsi; una ricerca competitiva non vi permetterà di concentrarvi e aguzzare al massimo la vista. Intorno a mezzogiorno, quando inizia a fare più caldo, alcuni collezionisti fanno una pausa di 2 o 3 ore, e altri tornano definitivamente a casa.

    In questa fascia d’orario generalmente inizia ad arrivare una grande ondata di caldo che è meglio evitare; potrete però riprendere le ricerche verso le cinque di pomeriggio.

    Ricordatevi che riuscire a trovare il primo tartufo non è affatto un gioco da ragazzi, potrebbero volerci diverse settimane prima che riusciate a trovare anche un piccolo pezzo.

    Tuttavia sarà l’esperienza a guidarvi verso i luoghi migliori, e con tanta perseveranza sarete in grado di raggiungere ottimi risultati.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...