spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 1 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    In arrivo 200 collaboratori afghani della missione italiana: faranno la quarantena per Covid in Toscana

    Il presidente della Regione Eugenio Giani: "Vogliamo fare la nostra parte di fronte a questa situazione gravissima. Disposti anche ad altre iniziative"

    FIRENZE – Circa 200 civili afghani, che in queste ore stanno lasciando il loro Paese, trascorreranno il periodo di quarantena in Toscana.

    Si tratta di una tranche dei circa 3.000 collaboratori della missione di pace italiana che, dopo la presa del potere da parte dei talebani, stanno  raggiungendo il nostro Paese grazie al ponte aereo organizzato dal nostro Ministero della difesa. 

    Il dipartimento nazionale della protezione civile ha chiesto alle Regioni la disponibilità ad accoglierli. 

    La Toscana ha dato la disponibilità per 200 persone che saranno ospitate in alcuni hotel toscani convenzionati con le Asl. La loro permanenza sarà limitata ai dieci giorni previsti dai protocolli Covid. 

    “La Toscana – ha evidenziato il presidente Eugenio Giani – vuol fare la sua parte di fronte a questa situazione gravissima. Per questo abbiamo subito risposto alla richiesta della Protezione civile  e siamo pronti ad accogliere queste 200 persone, così come siamo disponibili a valutare altre iniziative”.

    A questo proposito lunedì prossimo 23 agosto Giani condurrà la prima riunione del tavolo convocato per coordinare e  promuovere eventuali iniziative di assistenza e accoglienza in relazione all’emergenza afghana.

    A questo primo appuntamento sono stati invitati i rappresentanti di Anci Toscana (Associazione dei comuni italiani) e di Upi (Unione delle Province) e  coinvolte  le Prefetture, la protezione civile e le associazioni di volontariato che operano su questi temi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...