spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    In Toscana arrivano 311 nuovi carabinieri: saranno 50 fra Firenze e provincia

    Queste nuove risorse consentiranno di rinforzare i servizi di prossimità al cittadino dell’Arma con giovani, ricchi di entusiasmo e di forte motivazione

    TOSCANA – Con i 311 carabinieri, appartenenti al 142° e 143° corso formativo, in Toscana è stato potenziato il dispositivo organico delle Tenenze e Stazioni dell’Arma dei Carabinieri, distribuite nel territorio delle dieci 10 province della regione.

    Saranno una cinquantina quelli che verranno dislocati fra Firenze e i comuni della provincia.

    Queste nuove risorse consentiranno di rinforzare i servizi di prossimità al cittadino dell’Arma con giovani, ricchi di entusiasmo e di quella forte motivazione che li ha indotti ad indossare gli alamari dei carabinieri.

    I carabinieri arrivano ai reparti dopo un intenso periodo di addestramento e preparazione, principalmente allo scopo di garantire quella necessaria continuità nella sicurezza nel territorio fin nei più piccoli centri urbani, mandato ed impegno che da sempre contraddistingue l’operato dell’Arma.

    Provenienti dalle Scuole Allievi di diverse località italiane, tra cui Campobasso, Iglesias, Taranto, Torino, Reggio Calabria, Roma e Velletri, dopo aver completato con successo il loro percorso formativo iniziano ora il loro servizio attivo.

    L’incremento del personale è parte di una più ampia strategia volta a garantire con sempre maggiore efficacia un presidio costante ed aderente del territorio, contribuendo concretamente alla percezione della sicurezza nell’intero comprensorio regionale.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...