spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Incontro tra Regione e Eolo: “Maggiore impegno per la connessione delle piccole realtà”

    "Il nostro impegno sul territorio toscano vedrà la copertura di ulteriori 58 Comuni entro la fine dell’anno con connessioni a banda ultra-larga in tecnologia Fwa"

    FIRENZE – “Un incontro proficuo, quello con Eolo, operatore leader in Italia nella fornitura di connettività tramite tecnologia FWA (Fixed wireless access), nato nelle prealpi e che ha come obiettivo proprio quello di dotare le aree montane e quelle marginalizzate di connessione ultraveloce per garantire a tutti i cittadini di lavorare, studiare e vivere”: lo dice in una nota la Regione Toscana.

    “Siamo di fronte – afferma l’assessore regionale alle infrastrutture e all’innovazione digitale, Stefano Ciuoffo – ad un’azienda relativamente giovane, visto che ha iniziato ad operare nel 2005, ma con un preciso obiettivo”.

    “Per questo – prosegue – c’è stata grande sintonia e ho apprezzato il loro approccio al mercato e il loro impegno in Toscana, che è terra di montagne, campagne e di piccoli borghi, spesso con problemi di connettività”.

    “Siamo molto interessati – aggiunge Ciuoffo – al contributo che Eolo può dare a ridurre il digital divide e per fornire a tante famiglie e imprese quei collegamenti veloci oggi così necessari per vivere, relazionarsi, lavorare”.

    Lo scopo della Regione è infatti quello di azzerare le differenze e di permettere a più utenti possibili di connettersi, di navigare, di dialogare.

    “Eolo è da sempre – afferma Alessandro Verrazzani, responsabile degli affari istituzionali e regolatori di Eolo Spa – al fianco dei territori, anche quelli più remoti del Paese, per accompagnarli nel processo di inclusione digitale e di superamento del cosiddetto digital speed divide”.

    “In questa sfida – rimarca – è per noi prioritaria la Toscana, dove già copriamo 268 comuni a 30 Mbps (98%) e 163 comuni a 100 Mbps (60%). Ma la domanda crescente di connettività ha bisogno di risposte rapide e concrete e di investimenti mirati”.

    “Per questo – annuncia – il nostro impegno sul territorio toscano vedrà la copertura di ulteriori 58 Comuni entro la fine dell’anno e, complessivamente, del 75% delle unità immobiliari della Toscana con connessioni a banda ultra-larga in tecnologia Fwa. La transizione digitale è adesso, ed Eolo è pronto a dare il suo contributo.”

    Eolo già oggi connette oltre 6.500 comuni e a maggio 2020 ha dato vita a un ulteriore piano di sviluppo in Italia con l’obiettivo di completare la copertura dei piccoli comuni del Paese, arrivando a connettere 7.500 comuni in Fwa su frequenze a 26 e 28 gigahertz, in grado di assicurare connessioni fino a 100 Megabit ed in futuro espandibili fino a 1 Gigabyte.

    Nel piano Bul per la banda ultralarga del Governo, Eolo copre il 79% delle unità abitative. La Toscana è stata la regione che da questo punto di vista è cresciuta di più e sulla quale Eolo punta molto.

    “Con Eolo – conclude l’assessore Ciuoffo – il problema dei tempi di posa a terra dei cavi viene meno: la pandemia ha messo tutti, cittadini e istituzioni, di fronte alle difficoltà connesse al digital divide. Anche chi abita nelle zone non a caso definite a “fallimento di mercato” dagli operatori telefonici ha diritto ad usufruire di una connessione di qualità. Al netto delle attività degli operatori delle telecomunicazioni, l’impegno di Regione e delle Istituzioni pubbliche dovrà vertere nel non lasciare indietro nessuno, accompagnando ogni territorio verso la trasformazione digitale”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua