spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Internet: dalla Regione 160 milioni per connettere prima e meglio 770mila toscani

    Incontro con concessionario e stazione appaltante per velocizzare il più possibile i lavori di realizzazione della rete a Banda ultra larga (Bul) nelle cosiddette "aree a fallimento di mercato"

    FIRENZE – Un incontro con concessionario e stazione appaltante per velocizzare il più possibile i lavori di realizzazione della rete a Banda ultra larga (Bul) nelle cosiddette “aree a fallimento di mercato”, cioè poco appetibili per i gestori in quanto con un numero ridotto di potenziali utenti.

    E’ quello che l’assessore regionale all’innovazione digitale, Stefano Ciuoffo, ha svolto con i rappresentanti del concessionario Open fiber e della stazione appaltante pubblica Infratel, controllata dal Ministero dello sviluppo economico.

    La Regione Toscana, con due procedure di gara finanziate con fondi comunitari Fesr e Feasr, ha l’obiettivo di realizzare una rete pubblica in grado di offrire servizi di connettività ad alta velocità per 770 mila cittadini residenti, attraverso un investimento di circa 160 milioni di euro.

    La riunione è stata convocata per fare il punto sullo stato dei lavori del progetto “Banda ultra larga nelle aree a fallimento di mercato”, e per affrontare le criticità che, nel corso di questo anno, si sono verificate, ripetutamente, nella realizzazione dei lavori di posa della fibra ottica.

    “In seguito a continue segnalazioni da parte dei sindaci dei piccoli e medi Comuni toscani – spiega l’assessore Ciuoffo – abbiamo ritenuto doveroso e non più procrastinabile incontrare i nuovi vertici nazionali e regionali di Open Fiber, insieme alla stazione appaltante Infratel, visto che carenze di manodopera stanno rallentando i cantieri per la posa della fibra, con il rischio concreto che la fine dei lavori slitti al 2023”.

    Il quadro prospettato dalla società aggiudicataria dell’appalto ha mostrato infatti alcuni elementi di criticità, dovuti principalmente all’assenza di manodopera specializzata e formata per la stesa della fibra.

    Questo elemento comporterà ritardi nella conclusione e nell’avvio dei lavori previsti, amplificando così l’attesa tra la definizione della progettazione esecutiva ed il completamento dell’infrastruttura per la successiva commercializzazione dei servizi. 

    “Abbiamo chiesto ad Open fiber – conclude l’assessore – massima attenzione e priorità per i Comuni che ancora oggi si trovano in una fase di transizione ed incertezza. La società si è impegnata ad accelerare e a dare maggiore priorità al nostro territorio. Questa situazione non può ricadere sui cittadini e sui Comuni. Serve un impegno corale da parte della società aggiudicataria e della stazione appaltante affinché vi sia massima attenzione e rispetto delle
    scadenze. Abbiamo quindi costituito una cabina di regia che si riunirà con cadenza trimestrale per fare il punto e monitorare gli stati di avanzamento”.

    La Regione Toscana segnalerà in modo formale ad Infratel i rischi di mancate opportunità di sviluppo per il territorio e quelli legati ai fondi europei, che derivano da questo ulteriore ritardo, ed ha intenzione di portare questa tematica nuovamente all’attenzione della Commissione Agenda Digitale della Conferenza delle Regioni.

    Secondo il piano prospettato da Open Fiber, l’80% dei Comuni coinvolti dal progetto “Bul aree bianche” vedrà i lavori conclusi entro il 2022, prevedendone il completamento nei primi mesi dell’anno successivo.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...