spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La Asl Toscana sud est vicina ai bisogni “speciali” dei pazienti disabili

    È attivo negli ospedali di Arezzo, Grosseto e Poggibonsi il programma regionale Pass ideato per facilitare l'accesso ai "Percorsi assistenziali per persone con bisogni speciali"

    POGGIBONSI – Universalità ed equità di accesso ai servizi sanitari, questo è l’obiettivo del progetto regionale Pass.

    Effettuare un prelievo di sangue, una visita specialistica, un accertamento diagnostico, per chi ha una disabilità sia fisica che cognitiva può essere di base più difficoltoso e scoraggiante a causa di una serie di  complicanze che possono subentrare, le così dette barriere “invisibili”.

    Per questo motivo la Regione Toscana, prima in Italia a realizzarlo, ha messo a punto, in collaborazione con i coordinamenti delle associazioni per la disabilità, il programma Pass (Percorsi assistenziali per i soggetti con bisogni speciali), per adeguare l’offerta sanitaria in modo da migliorare i risultati di salute delle persone con disabilità.

    In Asl Toscana sud est sono tre gli ospedali della rete Pass, uno per provincia: Il San Donato ad Arezzo, Il Misericordia di Grosseto e l’ospedale di Campostaggia a Poggibonsi.

    Un progetto che è stato possibile realizzare ed è tuttora in continuo aggiornamento e miglioramento grazie alla formazione dei professionisti che, nel prendere in carico il paziente, mettono in campo tutte le agevolazioni logistiche, assistenziali, organizzative possibili e personalizzate per facilitargli l’erogazione della prestazione.

    “La sud est ha accolto a braccia aperte questo progetto, – commenta il direttore sanitario Simona Dei – perché entrare in ospedale per visite e accertamenti è indubbiamente uno stress per tutti. Sicuramente la cosa peggiora quando è coinvolta una persona disabile e la sua famiglia”.

    “Per questo – specifica – abbiamo individuato i referenti e i professionisti per prendere in carico gli accessi di chi ha dei bisogni speciali. È una iniziativa apparentemente semplice ma che mette in campo molte azioni. Sicuramente indispensabile perché coinvolge i più fragili, chi ha più bisogno di assistenza”.

    “È nostra responsabilità – conclude Dei – passare poi gradualmente dai percorsi attivati nei singoli ospedali ad una visione di insieme aziendale su questa delicata tematica”.

    Come si accede

    La persona che vuole accedere al percorso può farlo attraverso la Piattaforma PASS, che consente di descrivere e registrare attraverso un questionario i bisogni delle persone con disabilità e rendere disponibili tali informazioni al facilitatore del presidio ospedaliero di riferimento.

    Una volta sul portale occorre utilizzare uno dei seguenti sistemi di identità digitale con le relative credenziali di accesso:

    SPID

    CNS (Tessera sanitaria attivata)

    CIE (Carta d’identità elettronica)

    Inoltre è necessario il documento di identità dell’utente e del legale rappresentante.

    Cosa viene offerto 

    Attraverso il portale si viene messi in contatto con il facilitatore, presente nei tre presidi pass, che prenderà in carico il paziente e organizzerà la prestazione adattandola ai suoi bisogni e coinvolgendo la rete dei professionisti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...