spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’arresto di Matteo Messina Denaro, il commento del presidente Giani: “E’ un bel giorno per la Repubblica”

    L'Associazione tra i Familiari delle Vittime della Strage di Via dei Georgofili di Firenze: "Speriamo sia un passo verso verità e giustizia"

    FIRENZE – “Oggi è un bel giorno per la Repubblica e il primo pensiero non può che andare alle vittime della strage dei Georgofili e alle loro famiglie”.

    Il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, commenta con grande soddisfazione la fine della lunga latitanza del boss mafioso Matteo Messina Denaro.

    “L’arresto di Messina Denaro – prosegue Giani – è un grande risultato per lo  Stato e per i suoi servitori, magistrati e forze dell’ordine, ed un motivo di orgoglio per tutta la comunità nazionale”.

    Plauso all’azione della Procura di Palermo e ai carabinieri anche da parte dell’assessore a legalità e sicurezza, Stefano Ciuoffo.

    “E’ una grande notizia – sottolinea Ciuoffo – che potrà dare nuovo slancio all’impegno delle istituzioni e della società tutta contro la criminalità organizzata. La Toscana, ferita dallo stragismo mafioso e insidiata dai tentativi di infiltrazione, farà fino in fondo la sua parte”. 

    L’Associazione tra i Familiari delle Vittime della Strage di Via dei Georgofili di Firenze, appresa la notizia dell’arresto del boss mafioso super latitante da 30 anni (“e responsabile tra l’altro delle stragi eversive dell’ordinamento costituzionale del 1993 tra cui anche quella di Firenze” precisa) esprime “la propria soddisfazione e il proprio plauso alle forze dell’ordine e in particolare al ROS”.

    L’Associazione si augura, proprio nell’anno che vedrà il ricordo e la commemorazione del trentennale della Strage di via dei Georgofili del 27 maggio 1993, “che l’autorità giudiziaria faccia un ulteriore passo in avanti nell’accertamento penale dei mandanti e dei concorrenti morali delle stragi eversive di quegli anni”.

    “Sono evidentemente venute meno le coperture di cui godeva ormai da 30 anni il superlatitante mafioso Matteo Messina Denaro, condannato all’ergastolo anche per l’omicidio dei nostri familiari” commenta il presidente dell’associazione Luigi Dainelli

    “E questo – conclude – ci lascia ben sperare che a questo punto possano emergere nuove informazioni utili per arrivare alla piena verità e giustizia sulla strage di Firenze”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...