spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’Asl Toscana Centro cerca 28 operatori volontari per Empoli, Firenze, Prato e Pistoia per il Servizio Civile Digitale

    Dei complessivi 28 posti 13 sono riservati a Firenze, 6 a Prato, 5 a Pistoia e 4 Empoli: ecco come presentare la propria domanda

    FIRENZE – L’Azienda USL Toscana Centro cerca 28 volontari con il nuovo bando per il Servizio Civile da impegnare nel progetto “Scd Digitalizziamoci: verso una comunità competente”.

    Dei complessivi 28 posti 13 sono riservati a Firenze, 6 a Prato, 5 a Pistoia e 4 Empoli.

    Coloro che sono interessati devono avere un’età compresa tra i 18 e 28 anni, e presentare la domanda, (solo on line), entro il 30 settembre prossimo.

    Il Servizio Civile ha una durata di 12 mesi e una volta superata la selezione gli Operatori Volontari saranno impiegati nei progetti per 25 ore settimanali da effettuarsi nell’arco di 5 giorni, dopo aver svolto la formazione generale e specifica. L’assegno mensile è pari a 444,30 euro.

    Il programma presentato dall’Azienda USL Tc “Scd Digitalizziamoci: verso una comunità competente” comprende due progetti:

    “Digitalizzazione? Che bello, da casa posso fare anch’io!”, sarà realizzato con 13 Volontari (7 posti per Firenze, 3 per Prato, 3 per Pistoia); “Il Digitale di Aiuto al cittadino” con 15 Volontari (6 posti per Firenze, 3 per Prato, 2 per Pistoia e 4 per Empoli) di cui 5 posti riservati a Giovani con Minori Opportunità (di seguito GMO).

    L’Azienda Usl Toscana centro in collaborazione con la Regione Toscana rende disponibili per il cittadino diversi  servizi on line nell’ottica di una sempre maggiore digitalizzazione della pubblica amministrazione.

    Per alcuni servizi è necessaria l’autenticazione del cittadino mediante Tessera Sanitaria con pin, credenziali Spid, credenziali CIE.

    La lista  dei servizi corredata delle  specifiche modalità di utilizzo  e link di accesso diretto è  disponibile sul  sito Internet Aziendale https://www.uslcentro.toscana.it/ alla sezione Servizi on line:

    • Cambio medico di famiglia o pediatra di libera scelta mediante applicazione web disponibile sulla piattaforma regionale https://open.toscana.it/, oppure con App per dispositivi mobili TOSCANA SALUTE;

    • Prenotazione/disdette Cup attraverso la piattaforma PRENOTASANITA, il servizio è disponibile per i possessori di  ricetta dematerializza o, per le donne in gravidanza, attraverso il libretto di gravidanza digitale hAPPyMamma

    • Prenotazione esami ematici e di laboratorio attraverso la piattaforma regionale ZEROCODE. Il servizio consente di scegliere luogo, giorno ed ora dell’appuntamento ed accedere direttamente e senza attesa al Punto Prelievi prescelto.

    • Ritiro referti degli esami del sangue attraverso la consultazione via web del proprio Fascicolo Sanitario Elettronico, oppure utilizzando la app per dispositivi mobili TOSCANA SALUTE

    • Pagamento prestazioni sanitarie attraverso tutte le modalità del sistema PAGO PA tra cui, on line il portale regionale per i pagamenti IRIS, App per dispositivi mobili IO, home banking

    Nella prima settimana di agosto (dall’1 al 7) le prenotazioni online sono state  4.449 così ripartite per ambito: Firenze  2520, Pistoia,  753, Prato  757 e Empoli 469.

    Lo rende noto il dottor Leonardo Pasquini, direttore staff direzione amministrativa che invita i cittadini all’utilizzo dei servizi on line per un più facile e diretto accesso agli stessi.

    “I servizi on line – ha dichiarato – sono destinati ad essere incrementati e, pertanto, la nostra Azienda, nel scegliere per il Servizio Civile un progetto digitale, intende guardare al futuro nell’ottica di una sempre maggiore semplificazione e nell’accesso diretto alla sanità come ormai avviene per qualsiasi prenotazione”. 

    La digitalizzazione, infatti, permette ai cittadini di effettuare molti servizi da casa propria e l’Azienda vuole offrire questa possibilità al maggior numero di persone.

    I giovani volontari, dopo il percorso formativo specifico, nella loro funzione di “facilitatori digitali” potranno contribuire a diffondere la culturale digitale affinché il digitale non sia percepito come un ostacolo ma come uno strumento che permetta al cittadino di esercitare e tutelare i propri diritti.

    I progetti si propongono di creare dei punti di facilitazione presso le sedi individuate e itineranti per venire incontro alle categorie dei cittadini più fragili.

    L’obiettivo principale è di educare gli utenti del sistema sanitario alla fruizione autonoma dei dispositivi e dei servizi digitali essenziali messi a disposizione dal Sistema sanitario regionale e non solo.

    Per  giovani il “Servizio Civile Digitale” si configura invece come un investimento nell’istruzione e nelle competenze e ha nelle proprie potenzialità la capacità di produrre risultati fortemente significativi in termini di coesione sociale e territoriale.

    Alla realizzazione del programma partecipa in qualità di Ente RETE Agenzia delle Entrate- Direzione Regionale della Toscana e in qualità di PARTNER AISLA ONLUS- Sez. Firenze, Federconsumatori e Utenti regionale Toscana, AVO Firenze e Agenzia Regionale Toscana per l’Impiego (ARTI).

    Informazioni

    I giovani candidati per meglio orientarsi nella scelta del progetto, oltre ad utilizzare gli strumenti di ricerca messi a disposizione dalla piattaforma e sui siti internet del Dipartimento, possono fare riferimento ai contatti di seguito riportati.

    Firenze: Laura Borselli 0556937740 – 0556937552

    Empoli: Susanna Matteoli 0571704245

    Prato: Cinzia Papi 0574807104

    Pistoia/Valdinievole: Federica Carli 0572463570

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...