spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lezione di “primo soccorso” a tutti gli studenti nelle scuole superiori della Metrocittà

    La formazione sarà supportata con lezioni on-line e in presenza. Nei corsi saranno adottate misure speciali nei confronti degli studenti, per sensibilità a causa dell'età

    FIRENZE – Poiché in tutto il Paese la fibrillazione ventricolare è causa rilevante di problemi sanitari la Città Metropolitana di Firenze, insieme ad altri enti, ha deciso di avviare nelle scuole superiori del territorio fiorentino un corso per studenti e personale scolastico. Con lo scopo di diffondere le tecniche di primo soccorso.

    La formazione sarà supportata con lezioni on-line e in presenza. Nei corsi saranno adottate misure speciali nei confronti degli studenti, per sensibilità a causa dell’età.

    I defibrillatori sono collocati presso sedi pubbliche, gestori di pubblici servizi e all’interno delle scuole.

    Il protocollo è stato firmato da Nicola Armentano, consigliere delegato allo sport e alla sanità della Città Metropolitana di Firenze; da Roberto Curtolo, dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale; dal presidente della Provincia di Prato Simone Calamai; da Giorgio Giuliani, referente Vigilanza Trasporti Sanitari dell’Asl Toscana Centro; da Dimitri Bettini, presidente dell’Anpas Toscana; da Pasquale Giacomo Morano, direttore della Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Toscana; e da Andrea Ceccherini, presidente del Coordinamento Misericordie Area Fiorentina.

    “La responsabilizzazione a più livelli per intervenire in modo adeguato di fronte alle crisi provocate dalla fibrillazione cardiaca – sottolinea Nicola Armentano – E’ un passo decisivo per far crescere e diffondere una saggia cultura della prevenzione”.

    “La sensibilizzazione sul primo soccorso e la formazione dei “soccorritori laici” – prosegue – così come sono definiti tutti quelli che non sono espressione del personale sanitario, e l’implementazione dei defibrillatori sono obiettivi che la Città Metropolitana persegue in modo capillare”.

    “È importante promuovere questo tipo di formazione all’interno dei nostri istituti scolastici superiori – commenta Simone Calamai – perché significa dare a studenti e personale scolastico gli strumenti per poter intervenire in caso di necessità”.

    “Significa anche avvicinare al volontariato e al senso di solidarietà gli studenti della nostra provincia” puntualizza.

    “È un’adesione di cui siamo profondamente convinti – conclude – e, per quanto ci riguarda, faremo tutto quello che potremo per diffondere tra le scuole del nostro territorio questo tipo di formazione e di conoscenza”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...