spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lino Falugiani è scomparso dal 21 luglio, adesso potrebbe essere ovunque: appello dalla Prefettura

    87 anni, si è allontanato dalla propria abitazione a San Godenzo per recarsi in località Castagno D’Andrea, dove è stato visto per l’ultima volta

    FIRENZE – L’appello viene diffuso dalla Prefettura di Firenze.

    Dal 21 luglio scorso non si hanno notizie di Lino Falugiani, 87 anni, che si è allontanato dalla propria abitazione a San Godenzo per recarsi in località Castagno D’Andrea, dove è stato visto per l’ultima volta.

    Il piano di ricerca, attivato dalla Prefettura di Firenze fin dalle prime ore del pomeriggio dello stesso giorno, ha dato finora esito negativo, nonostante l’utilizzo di un elicottero e dei droni dei vigili del fuoco, di cani molecolari e di squadre di ricerca composte da carabinieri, vigili del fuoco e Protezione Civile Comunale.

    Le ricerche, inizialmente concentrate nel territorio di San Godenzo e nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, verranno estese anche ai Comuni limitrofi che rientrano nel confinante Parco Nazionale di Pratovecchio.

    Ma l’uomo potrebbe essere davvero ovunque, quindi in ogni territorio è bene tenere gli occhi aperti.

    Chi avesse notizie è pregato di contattare immediatamente le forze di polizia.

    E, in particolare, il centralino dei carabinieri (112), la Stazione dei carabinieri di San Godenzo (0558374015) o la Prefettura di Firenze (05527831) poiché qualsiasi informazione potrebbe essere utile per ritrovare l’anziano.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...