spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lorenzo Pescini nuovo direttore amministrativo dell’Asl Toscana centro

    Arriva dopo importanti esperienze in aziende, sia private sia italiane che internazionali

    FIRENZE – E’ Lorenzo Pescini il nuovo direttore amministrativo dell’Azienda USL Toscana centro e dopo essere stato nominato dal direttore generale Paolo Morello Marchese, stamattina ha firmato il contratto.

     

    Pescini è nato a Firenze nel 1968, è laureato in Economia e Commercio ed abilitato come dottore Commercialista e Revisione Legale, ha conseguito un Master di II livello in Management Sanitario.

     

    Dopo importanti esperienze in aziende, sia private sia italiane che internazionali, nel 2001 approda in Sanità ricoprendo ruoli dirigenziali presso le Aziende Ospedaliere Universitarie Meyer e Careggi fino a diventare nel 2011 direttore amministrativo dell’allora ASL 1 di Massa e Carrara e a seguire direttore del Bilancio Sanitario della Regione Toscana.

     

    Dopo aver svolto il ruolo di Key Account Manager in Estar, dal 2016 è stato direttore amministrativo dell’AOU di Sassari, per poi essere nominato nel 2019 Commissario Straordinario dell’azienda ospedaliera “Santa Maria” di Terni. Pescini sarà al lavoro nell’Azienda USL Toscana centro dal prossimo martedì 1 ottobre.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...