spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Mancanza manodopera, Confartigianato Firenze: “Colpa del reddito di cittadinanza come regolato oggi”

    Il presidente Alessandro Sorani: "Troppo poche sono le persone che cercano lavoro a fronte del numero di coloro che percependo comunque un compenso preferiscono stare a casa"

    FIRENZE – “Da sempre la nostra posizione è fortemente contraria al reddito di cittadinanza per lo meno così come è concepito”.

    Alessandro Sorani, presidente Confartigianato Firenze individua nel reddito di cittadinanza il principale motivo della carenza di personale che il mondo produttivo si trova ad affrontare in questo periodo di ripartenza dopo lo stop dettato dalla pandemia

    “Troppo poche – rimarca – sono le persone che cercano lavoro a fronte del numero di coloro che percependo comunque un compenso preferiscono stare a casa”.

    Secondo l’Istat i lavoratori che le imprese cercano ma non trovano sono l’1% degli occupati ma sono in crescita soprattutto nell’industria e nei servizi. 

    “In questi giorni abbiamo incontrato intere categorie di mestieri – continua Sorani – dalla termoidraulica alla pelletteria, tante imprese stentano a ripartire per mancanza di manodopera e questo è il vero grande freno del nostro Paese”.

    “Siamo una Repubblica fondata sul lavoro – prosegue Sorani – questo concetto sottintende la valorizzazione di una cultura del lavoro e far sì che non lavorare sia più gratificante che lavorare è una politica devastante dal punto di vista psicologico, a livello sociale e di conseguenza economico”.

    “Siamo convinti – rilancia – che sia fondamentale stabilire compensi e turni di lavoro adeguati, contro ogni forma di sfruttamento del personale, ma serve anche un meccanismo più stringente per il quale il rifiuto di proposte di lavoro congrue condizioni il diritto di usufruire del reddito di cittadinanza”.

    “Come anche pensiamo sia fondamentale – conclude Sorani – gestire meglio il tema della formazione professionale”.

    # “Ho 56 anni, disoccupata da due anni, senza Reddito di Cittadinanza. E rispondo a Confartigianato”

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...