spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 20 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Miglior budino di riso dell’area metropolitana: al secondo posto una pasticceria del nostro territorio!

    Medaglia d'argento per la Pasticceria Pimpina di Cerbaia; al primo posto la Pasticceria Stefania di Firenze. In gara anche una pasticceria di San Casciano e una di Grassina

    FIRENZE – Martedì 7 novembre, dalle 11 alle 13, presso la pasticceria “Le Chicchere” di Sesto Fiorentino, ha avuto luogo la prima edizione del concorso gastronomico “Budino di riso – Il dessert fiorentino” aperto a pasticcerie e forni dell’area metropolitana.

    Vincitrice con 38 punti è risultata la Pasticceria Stefania di Firenze (già vincitrice di altri due
    “pastry contest” nel 2023) che ha staccato di 5 lunghezze la Pasticceria Pimpina di Cerbaia.

    Terzi classificati, ex aequo con 29 punti, la Pasticceria Andrea-Ruggini di Pontassieve e La Pasticceria Dreams di Prato.

    CONCORRENTI

    Qui di seguito la lista completa dei 20 concorrenti suddivisa per comune di provenienza: Forno
    All’angolo, Forno Becagli, Pasticceria Bellucci, Pasticceria Buonamici, Caffè Libertà, Pasticceria
    Dolci Pensieri, Pasticceria I Dolci di Patrizio Cosi, Pasticceria Pegaso, Pasticceria Stefania (Firenze), Pasticceria Vannino (Calenzano), Pasticceria Fani, Pasticceria Mignon (Sesto Fiorentino), Forno focacceria Moto Perpetuo, Pasticceria Laboratorio del Gusto (Scandicci), Pasticceria Dreams (Prato), Pasticceria Andrea-Ruggini (Pontassieve), Pasticceria Pimpina (Cerbaia), Pasticceria Beltrami (San Casciano), Forno Fantasie di Pane (Grassina).

    Alcuni di questi esercizi sono affiliati al circuito InViola di ACF Fiorentina, presente con un suo responsabile commerciale in giuria.

    ORGANIZZATORI

    L’evento è stato organizzato da Festival delle Pasticcerie (Maurizio Melani, anche presentatore dell’evento) e da “Casa della Nella” (il ristorante itinerante di tradizioni fiorentine di Massimo Cortini), già creatori di tutti i contest legati alle tradizioni dolciarie dell’area metropolitana.

    Come “La miglior schiacciata alla Fiorentina” (12 edizioni svolte), “Lo zuccotto fiorentino – Il
    Rinascimento in tavola”, “Pan di Ramerino – Il Medioevo fiorentino”, “La miglior schiacciata con
    l’uva”, “Il miglior cantuccio di Prato”, in collaborazione con la Pasticceria “Le Chicchere” location ospitante.

    GIURIA

    A decretare il podio, una Giuria di “pastry chef” ed esperti gastronomi con a capo Raffaele Musacco, Maestro pasticcere attualmente presso Carra spa.

    Insieme a lui Mirko Todaro, pastry chef e titolare della Pasticceria Batoni di Firenze, Stefano Malesci pastry chef e Maestro cioccolatiere presso la omonima pasticceria-cioccolateria di Sesto Fiorentino.

    Lelia Righi, Maestra fornaia e titolare del forno Delizie del Mattino di Firenze, Massimo Cortini, maestro pasticcere e creatore del ristorante fiorentino itinerante “Casa della Nella”, Gabriella Mari fondatrice nel 1985 a Firenze della prestigiosa scuola di cucina “Cordon Bleu” e docente di cucina italiana.

    Noemi Sorbi, per conto di Giotto Fanti sponsor dell’evento, Sabina Bigozzi di Choccolate Award, Sandra Nistri, responsabile delle pagine Sesto-Calenzano del quotidiano La Nazione, Enrico Burrini, responsabile commerciale INVIOLA per conto di ACF Fiorentina.

    PREMI

    Ai primi 3 classificati una pergamena ricordo a cura di Festival delle Pasticcerie, dei buoni acquisto in materie prime presso Carra distribuzione spa (nota azienda italiana di fornitura per pasticcerie, forni, ristoranti) e una polizza anti-infortuni sul lavoro offerta da Alleanza Assicurazioni.

    A tutti i partecipanti Giotto Fanti, nota azienda distributrice di frutta fresca, ha regalato una meravigliosa cesta con prodotti di frutta e derivati.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...