spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Morto il neurochirurgo Pasquale Mennonna: il cordoglio del presidente della Regione e dell’Ordine dei Medici

    "Continuerà a vivere nel ricordo dei tanti pazienti e famiglie e nei tanti giovani professionisti che ha cresciuto"

    FIRENZE – “Perdo un amico, la Toscana perde uno dei suoi migliori professionisti che continuerà a vivere nel ricordo dei tanti pazienti e famiglie e nei tanti giovani professionisti che ha cresciuto. Mi stringo in un abbraccio alla famiglia unendomi al loro dolore”.

    Queste le parole con cui il presidente Eugenio Giani saluta il neurochirurgo Pasquale Mennonna, scomparso stamani a Firenze.

    “Con Pasquale Mennonna – ha detto la vicepresidente regionale Stefania Saccardi – se ne va un luminare e un professionista di grande valore”.

    “Che ha lasciato un segno – ha ricordato – nel cuore e nel ricordo di tantissimi oltre che nella storia della neurochirurgia toscana, italiana e non solo”.

    “Mi unisco al presidente Giani – ha concluso Saccardi – nel porgere alla famiglia le mie sentite condoglianze”.

    “Voglio esprimere il cordoglio per la morte di un grande collega: è un dispiacere per tutta la comunità medica di Firenze che rappresento”.

    A dirlo è il presidente dell’Ordine dei Medici di Firenze, Pietro Dattolo.

    “Mennonna è stato un punto di riferimento per tutti no” ha aggiunto.

    “Un neurochirurgo di fama internazionale – ha concluso – anche presidente della Fondazione Careggi onlus. Una guida che ci mancherà”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...