spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nasce al San Giovanni di Dio, assistita da una equipe di 13 persone: neonata in buona salute

    Delicatissima la situazione di salute della madre. Gruppo composto in urgenza in sala operatoria: ecco come è andata

    FIRENZE – Un parto cesareo molto complesso che è andato a buon fine con la nascita alla 36esima settimana di una piccola di poco meno di 3 kg, ha coinvolto un team multidisciplinare di ben 13 persone fra medici e operatori sanitari.

    L’equipe guidata Rodolfo Gordigiani, vicedirettore della struttura di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale San Giovanni di Dio diretta da Anna Franca Cavaliere, si è costituita ieri mattina, martedì 12 aprile, in urgenza all’ospedaledi Torregalli.

    Ed ha portato a termine il parto cesareo su una partoriente con gravi problemi di salute.

    L’intervento è stato eseguito in sala operatoria dove nel caso la paziente avesse avuto un arresto cardio circolatorio, sarebbero state disponibili tutte le attrezzature cardiologiche necessarie, non presenti in sala parto.

    Oltre all’equipe medica, in sala operatoria era presente anche un mediatore linguistico culturale in quanto la partoriente non parlava l’italiano.

    A richiedere l’intervento multidisciplinare, è stata proprio la delicatissima situazione di salute della donna, complicata anche dalla presenza di diabete gestazionale che ha obbligato ad anticipare la nascita.

    “E’ davvero straordinario come in alcuni momenti – dichiara Gordigiani – quel lavoro che diamo per scontato e a volte percepiamo come routinario, quando viene svolto in forma coordinata fra più team di eccellente livello (ostetricia, cardiologia, anestesia, neonatologia), può permettere a una madre affetta da una grave cardiopatia, di dare alla luce il suo piccolo con minor rischio possibile”.

    “Oggi il dipartimento materno infantile della Toscana centro e nello specifico l’ostetricia ginecologia di Torregalli – conclude – ha raggiunto un livello di eccellenza a Firenze che può rassicurare i cittadini, anche più fragili, nell’affrontare il momento del parto con una sicurezza fino a ieri non scontata”.

    Il primo intervento è stato delle due cardiologhe Francesca Sani e Federica Michelozzi che hanno provveduto a installare un pace maker temporaneo, necessario a causa di una patologia cardiaca della partoriente.

    Due anestesiste, Elisabetta Peruzzi e Grazia Meconcelli, hanno effettuato l’anestesia spinale – sempre complessa in una gravidanza a rischio – e il monitoraggio multiparametrico.

    Successivamente il taglio cesareo cesareo è stato eseguito da Rodolfo Gordigiani, assistito dalla ginecologa Cristina Malavolti.

    Una volta estratta la neonata, le due ostriche Elena Cioli e Luana Fontanelli, e la neonatologa Beatrice Gambi, hanno preso in carico la piccola e l’hanno trasferita in culla termica presso la Terapia Intensiva Neonatale dell’ospedale.

    In supporto durante il delicato intervento, sono state la ferrista-ostetrica Maria Zappalà e tre infermieri di sala, Claudia MarziCecilia Banchi e Gianna Rosadini. Ha organizzato i vari percorsi, Daniele Cultrera della direzione sanitaria di presidio.

    La bimba sta bene e resterà in terapia intensiva neonatale ancora nei prossimi giorni. Anche la mamma sta bene, al momento è nel reparto Utic, l’unità di terapia intensiva cardiologica.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...