spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 21 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nidi gratis, Giani: “Da noi già dal primo figlio. Il Governo faccia un passo in più”

    "In Toscana abbiamo fatto qualcosa in più: da noi a non pagare la retta del nido non è solo il secondo figlio..."

    FIRENZE – “Bene che sui nidi gratis il Governo segua il nostro esempio. In Toscana comunque abbiamo fatto qualcosa in più: da noi a non pagare la retta del nido non è solo il secondo figlio, ma già dal primo tantissime famiglie, quelle con un Isee al di sotto di 35 mila euro, possono godere dell’asilo gratis. Del resto se il numero di figli per donna è pari in Italia a 1,2, va da sé che solo poche famiglie hanno due o più figli”.

    Eugenio Giani commenta così le anticipazioni della presidente del consiglio, Giorgia Meloni, che ha annunciato che, con la manovra in gestazione, dal secondo figlio l’asilo nido sarà gratis.

    Nel primo anno in cui la misura è stata varata la Toscana, che è stata la prima a garantire la gratuità del nido, ha già potuto dare supporto a 15mila famiglie.

    “Abbiamo stanziato 233 milioni in sei anni – ricorda Giani – e se il secondo figlio a questo punto sarà pagato dallo Stato, potremo pensare di alzare la soglia Isee e garantire la retta gratis anche a famiglie con un Isee superiore a 35 mila euro l’anno”.

    “Peccato però – prosegue il presidente – che l’Iva sui prodotti per la prima infanzia, tagliata con la legge di bilancio 2023 al 5 per cento, tornerà dal 2024 al 22 per cento. Si tratta di una spesa che pesa sensibilimente nei bilanci familiari”.

    “Sui nidi dallo Stato vorremmo di più – si rivolge al Governo il presidente Giani – Ci aspettiamo un intervento simile a quello che ha portato in passato alla gratuità universale per la scuola dell’infanzia”.

    “Non basta sostenere le famiglie per la frequenza del nido (peraltro per tutti i figli, non solo a partire dal secondo) – rilancia – ma occorre che lo Stato si faccia anche carico della spesa dei Comuni per questi servizi: il costo viene infatti finanziato dalle amministrazioni comunali per circa il 90 per cento e la compartecipazione delle famiglie costituisce solo una piccola parte”.

    “Sarebbe infine importante – riprende – un maggior dialogo e una maggiore interlocuzione tra lo Stato e gli enti locali, in materia di politiche per l’infanzia: soprattutto con le Regioni che come la nostra investono moltissimo per queste politiche e che hanno una lunga esperienza sul tema”.

    “Non è un caso – conclude – se il bando Pnrr sugli asili ha avuto una bassa partecipazione: le Regioni che hanno la funzione di regolamentazione e coordinamento dei nidi sul territorio non sono state in alcun modo coinvolte nella programmazione di questi interventi. Questo  Governo si professa a favore dell’autonomia differenziata ma in realtà accentra gli interventi: anche quelli che prevedono una competenza delle Regioni”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...