spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 5 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Attivata la nuova dialisi a Careggi, lunedì 16 gennaio i primi 64 trattamenti

    E' in grado di eseguire 18mila sedute dialitiche all'anno per complessivi 120 pazienti sia cronici che acuti

    FIRENZE – Una buona notizia per tutta l'area fiorentina. E' stata attivata la nuova dialisi a Careggi: sono stati eseguiti lunedì 16 gennaio i primi 64 trattamenti nella nuova dialisi di Careggi al Padiglione Deas

     

    La struttura, inaugurata il 23 dicembre, avviata con l’apertura degli ambulatori il 2 gennaio, è oggi pienamente attiva a seguito del trasloco dei letti e dei reni artificiali dalla storica sede di Villa Monna Tessa.

     

    Lo spostamento è avvenuto nella notte fra il 14 e il 15 gennaio per garantire la continuità delle sedute di dialisi.

     

    La nuova Dialisi di Careggi è in grado di eseguire 18mila sedute dialitiche all’anno per complessivi 120 pazienti sia cronici che acuti.

     

    E’ dotata di impianti di ultima generazione per la produzione, ogni 4 ore, di tremilaottocento litri di acqua ultrapura, con le stesse caratteristiche dell’acqua iniettabile.

     

    Con questo trasferimento chiude la sede del padiglione Villa Monna Tessa che per 50 anni ha ospitato una delle prime dialisi di Firenze.

     

    Nella struttura restano attualmente attivi solo gli ambulatori di Reumatologia, del Centro Cefalee ed Endocrinologia.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...