spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 14 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ordine Medici, l’allarme: “Nell’Asl Centro 40 medici di famiglia in pensione nel 2024”

    Il presidente dell'Ordine Dattolo: "20-25 in provincia di Firenze. E non si sa, al momento, quanti nuovi medici entreranno in servizio"

    FIRENZE – “Nell’Asl Toscana Centro circa 40 medici di famiglia andranno in pensione nel 2024, saranno 20-25 quelli che cesseranno l’attività provincia di Firenze”.

    A dirlo è Pietro Dattolo, presidente dell’Ordine dei Medici di Firenze.

    “I pazienti verranno distribuiti sulla base dei medici che rimangono – aggiunge – e quelli che subentreranno nelle zone carenti. Non si sa, al momento, quanti nuovi medici entreranno in servizio”.

    “Il sistema regge ma a fatica, gli investimenti in sanità non sono più rimandabili – commenta il presidente dell’Ordine Dattolo – Il sistema sanitario nazionale sconta oltre un decennio di definanziamento”.

    “L’investimento sulla sanità pubblica – riprende – non può essere il 6% rispetto al Pil: in America, ad esempio, è il 17%”.

    “Una situazione caratterizzata da sempre meno personale sanitario operativo – conclude – e da un taglio dei servizi, che spinge migliaia di persone a rivolgersi ai privati. La salute pubblica in Italia è considerata una spesa e non un investimento”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...