spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ospedale San Giovanni di Dio, intervento chirurgico salva vita riuscito grazie al modello 3D

    Dimessa dopo due giorni, rischiava di perdere la milza. Soddisfatto il team: "Ha funzionato l'integrazione di tecnologie avanzate"

    FIRENZE – Un intervento salva vita durante il quale il team che ha operato all’ospedale San Giovanni di Dio (Torregalli) è riuscito a preservare la milza di una giovane donna grazie al ricorso alla stampa 3D integrato all’approccio laparoscopico minimamente invasivo.

    A conferma del successo tecnico dell’intervento, la paziente è stata dimessa il secondo giorno postoperatorio.

    La patologia che ha colpito la giovane donna è rara, un aneurisma dell’arteria splenica, ovvero una dilatazione anomala dell’arteria che irrora la milza.

    Può essere letale e necessario per trattarla efficacemente anche l’asportazione di un organo importante per le difese immunitarie come la milza.

    L’utilizzo della stampa 3D per creare un modello fatto su misura su paziente e per avere una pianificazione precisa dell’intervento, ha giocato un ruolo cruciale.

    La realizzazione finale del dettagliato modello 3D che comprendeva strutture anatomiche come la milza, il pancreas e i vasi splenici, ha potuto fornire preziose informazioni sia prima che durante l’intervento, contribuendo al suo successo.

    Il team guidato dal direttore del dipartimento chirurgico, Stefano Michelagnoli, era composto dal primario della Chirurgia generale, Alessandro Anastasi che ha condotto l’intervento e dal chirurgo vascolare, Emiliano Chisci.

    La tecnica utilizzata si basa sulla “esclusione” dell’aneurisma mediante sua legatura.

    “Preservare la milza in casi del genere è spesso impegnativo, soprattutto quando l’aneurisma entra quasi nella milza – spiega Chisci – Tuttavia siamo riusciti a preservare l’organo escludendo un grande aneurisma dell’arteria splenica”.

    Fondamentale è stata la collaborazione con gli ingegneri Giovan Battista Semplici e Federica Giovannini che hanno realizzato il modello.

    Un paio di incontri on line con i chirurghi e nel tempo della pre ospedalizzazione del paziente, gli ingegneri sono riusciti a creare il corretto modello 3D necessario per la guida intraoperatoria.

    Una parte del modello 3D

    “Il nostro ospedale negli ultimi 15 anni – sottolinea Chisci – ha fatto un buon numero di interventi di questa complessità grazie alla collaborazione con la chirurgia generale e la grande expertise video-laparoscopica raggiunta dal dottor Anastasi e sempre con ottimi risultati”.

    “In questo caso – aggiunge – il fatto che il paziente sia stato dimesso il secondo giorno postoperatorio riflette non solo il successo tecnico dell’intervento ma anche i potenziali benefici dell’approccio laparoscopico minimamente invasivo e della pianificazione resa possibile dal modello 3D”.

    Quello sulla giovane donna è stato solo l’ultimo intervento di successo che dimostra l’eccellenza in Toscana della chirurgia vascolare e della chirurgia generale del San Giovanni di Dio e l’impatto positivo dell’integrazione di tecnologie avanzate come la stampa 3D nella pratica chirurgica.

    Di recente sperimentazione da parte dei professionisti della chirurgia vascolare dell’ospedale, è anche la realtà aumentata, per un ulteriore miglioramento della cura del paziente e dei risultati.

    I principali vantaggi dell’utilizzo della stampa 3D

    Miglioramento della Visualizzazione: il modello 3D ha offerto una rappresentazione realistica e dettagliata dell’anatomia del paziente, facilitando una comprensione approfondita delle complesse relazioni tra l’arteria splenica, il pancreas e le strutture circostanti.

    Pianificazione Personalizzata: il modello 3D ha consentito al nostro team di adattare l’approccio chirurgico all’anatomia specifica del paziente, tenendo conto di fattori come l’arteria tortuosa, la presenza del pancreas e la posizione profonda dell’aneurisma.

    Collaborazione del Team: il dettagliato modello 3D ha probabilmente facilitato la comunicazione efficace e la collaborazione tra il chirurgo vascolare e quello generale.

    Counseling: il modello 3D ha reso più facile la comunicazione con il pazientevdella patologia in atto e del trattamento e la valutazione dei rischi, benefici dello stesso

    Tecnica Chirurgica Ottimizzata: con una chiara comprensione dell’anatomia unica del paziente, il nostro team ha potuto pianificare ed eseguire una tecnica chirurgica che ha ridotto al minimo i rischi e massimizzato le possibilità di un esito positivo.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...