spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Peste suina africana, attivato il numero unico regionale per le segnalazioni di carcasse

    E' attivo 7 giorni su 7, dalle ore 8 alle 20 e consentirà al chiamante di essere messo direttamente in contatto con il servizio veterinario della Asl competente

    FIRENZE – E’ attivo il numero unico regionale 0573306655, dedicato alla segnalazione delle carcasse di cinghiali rinvenuti morti, per monitorare e prevenire l’eventuale presenza di peste suina africana (psa) sul territorio toscano.

    Il numero di telefono è attivo 7 giorni su 7, dalle ore 8 alle 20 e consentirà al chiamante di essere messo direttamente in contatto con il servizio veterinario della Asl territorialmente competente.

    L’invito a chiunque rinvenga una carcassa di cinghiale sul territorio toscano è, quindi, quello di chiamare il numero unico regionale per segnalarla tempestivamente, indicandone la posizione. 

    Si ricorda che la psa è una malattia infettiva, che colpisce cinghiali e maiali, ma non è trasmissibile agli esseri umani.

    In Toscana l’attenzione sulla psa continua a essere alta ed è stata già attivata – lo ricordiamo – l’unità di crisi regionale per le emergenze epidemiche veterinarie che riunisce Asl, Istituto zooprofilattico e Regione, sia a livello regionale che locale (provincia di Massa-Carrara), dopo che in Piemonte e Liguria sono saliti a 114 i Comuni già inseriti dal Ministero della salute nella “zona infetta”, con la conseguente emanazione del divieto di caccia in provincia di Alessandria, d’intesa con il Ministero delle politiche agricole.

    Dopo i dispositivi ministeriali, gli assessorati regionali al diritto alla salute e all’agricoltura hanno avviato, tra i primi in Italia, un’operazione di sorveglianza passiva grazie alla quale gli operatori – coordinati dai locali Atc (Ambito territoriale di caccia) e dall’Asl nord ovest, con apposito kit distribuito dall’Azienda sanitaria per operare in biosicurezza – hanno il compito di cercare e segnalare sul territorio carcasse di cinghiale e analizzarle. L’obiettivo è il tempestivo riscontro dell’eventuale infezione.

    In Toscana, inoltre, con delibera di giunta è stata istituita una task force (con uffici delle direzioni sanità, agricoltura, ambiente e protezione civile, Asl, Istituto zooprofilattico, forze dell’ordine, Enti parco, Atc e province), che si riunirà in forma permanente e si confronterà con le associazioni coinvolte e direttamente interessate.

    Tra le misure di contenimento, si ricorda anche il recente bando da 4 milioni di euro dell’assessorato all’agricoltura, destinato alla realizzazione di idonee recinzioni, in grado di limitare le interazioni fra i suini allevati e gli ungulati selvatici (principalmente cinghiali), potenziali vettori di peste suina africana.

    L’estate scorsa, inoltre, su iniziativa dell’assessorato al diritto alla salute, è stato avviato un percorso di approfondimento sulla sorveglianza e la prevenzione della diffusione di psa con le forze dell’ordine, il direttore generale dell’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana, i direttori della sanità animale delle Asl e i responsabili dei settori regionali competenti, finalizzato al rafforzamento della rete di prevenzione, controllo e lotta contro tale rischio sanitario.

    Ne è conseguita una serie di iniziative di formazione e informazione sulla gestione delle emergenze epidemiche di psa, a partire dai corsi di formazione organizzati, su base provinciale, dall’assessorato al diritto alla salute in collaborazione con l’assessorato all’agricoltura e le Asl toscane, rivolti a cacciatori, Atc e polizie provinciali.

    Insieme al settore faunistico regionale, Asl e Istituto zooprofilattico sono stati poi preparati corsi di informazione e formazione rivolti ai capisquadra delle squadre di caccia al cinghiale e, sempre in estate, si sono tenuti corsi di informazione destinati agli allevatori e ai Consorzi di tutela del marchio.

    A settembre in provincia di Arezzo è stata avviata, infine, un’esercitazione insieme agli Atc toscani con simulazione sul campo per la ricerca di carcasse di cinghiali.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...