spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Pronto soccorso ospedale San Giovanni di Dio: lavori di adeguamento in Radiologia

    Per la messa in funzione di una Tac nuova. Per i pazienti allestita una Tac mobile a fianco della camera calda

    FIRENZE – Sono in corso in questi giorni i lavori di adeguamento strutturale della sala di radiologia del pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni di Dio, che si completeranno a dicembre con l’installazione di una Tac nuova.

    Per consentire il proseguimento delle attività radiologiche del DEA, da qualche giorno è stata posizionata una Tac mobile nell’area adiacente al pronto soccorso, a fianco della camera calda, raggiungibile attraverso un percorso dedicato e protetto.

    I pazienti che provengono dal DEA infatti potranno seguire il percorso interno che attraversa la radiologia fino a raggiungere la Tac mobile dove, in caso di necessità, saranno supportati anche da personale Oss.

    Mentre i pazienti che arrivano dai reparti vengono accompagnati dal personale medico o infermieristico.

    La direzione di presidio assicura che con l’installazione della nuova Tac nella radiologia del pronto soccorso, la previsione è di rendere di nuovo agibile la sala entro la fine dell’anno, salvo imprevisti.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...