spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 20 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Publiacqua, al via il bando cultura 2024: 150mila euro per sostenere il territorio, come fare domanda

    E' riservato a soggetti che operano sul territorio dei 46 Comuni dove l'azienda gestisce il servizio idrico. Domande entro il 12 maggio: tutte le info

    FIRENZE – Al via il Bando Cultura 2024 di Publiacqua (lo trovate qui): “Come già negli anni passati, anche quest’anno siamo a fianco di realtà importanti per il territorio e per i nostri cittadini”.

    Realtà culturali per le quali viene messo a disposizione uno specifico bando dell’importo complessivo di 150.000 euro.

    Il Bando Cultura va a finanziare la produzione e realizzazione di eventi culturali ed è riservato a soggetti che operano sul territorio dei 46 Comuni dove l’azienda gestisce il servizio idrico. La scadenza per la presentazione delle domande è fissata per il 12 maggio.

    A presentare il Bando Cultura 2024, Nicola Perini, presidente di Publiacqua, insieme a rappresentanti di associazioni e realtà che nel 2023 hanno beneficiato del sostegno e che hanno raccontato la loro esperienza ed i loro progetti.

    IL BANDO PER LA CULTURA

    Dal 2020 al 2023 Publiacqua ha sostenuto questo settore con un bando che ha consentito di finanziare 99 progetti di produzione artistica e culturale per un valore totale di oltre 488.000 euro.

    “Oggi rinnoviamo la nostra vicinanza a questo mondo – dicono da Publiacqua – con un Bando Cultura dell’ammontare complessivo di 150.000 euro rivolto a tutti quei soggetti (enti senza scopo di lucro e che hanno sede nel territorio di Publiacqua) che produrranno eventi tesi a promuovere il patrimonio culturale, paesaggistico e storico del nostro territorio”.

    Per tutti i soggetti che rientreranno nei requisiti previsti dal bando è previsto un cofinanziamento che potrà arrivare ad un massimo di 20.000 euro e coprire fino al 30% del costo complessivo del progetto.

    Il bando è scaricabile sul sito Publiacqua.it (qui).

    A CHI È DESTINATO

    Il Bando Cultura 2024 è rivolto a tutti quei soggetti (enti senza scopo di lucro e che hanno sede nel territorio di Publiacqua e/o attività che si svolgono sul territorio gestito da Publiacqua; imprese, organismi centri di produzione teatrali, musicali e della danza con sede legale nel territorio comunale e per attività che si svolgono nel territorio gestito da Publiacqua) che produrranno eventi tesi a promuovere il patrimonio culturale, paesaggistico e storico del nostro territorio attraverso interventi diretti allo sviluppo della sua conoscenza e fruizione. Il legame con il territorio in cui Publiacqua opera deve risultare dal progetto e deve essere specifico.

    Le domande ammissibili saranno valutate in base ai seguenti criteri: a) numero fruitori/partecipanti attesi (10 punti); b) partenariato locale (10 punti); c) qualità del progetto (40 punti); d) promozione immagine Publiacqua (40 punti).

    Il criterio “numero di fruitori” sarà valutato anche in relazione alla popolazione presente nell’area interessata dall’iniziativa.

    Per il criterio “partenariato locale” costituiranno elemento di valutazione il patrocinio pubblico e la partnership. Il criterio “qualità del progetto” sarà valutato, tra gli altri, anche in base a: specifico interesse patrimonio territoriale, di cultura, paesaggio e/o storico; molteplicità di attività previste nel progetto; target diversi raggiunti e interessati al progetto; ampiezza dell’ambito territoriale interessato; coerenza del progetto con i valori di Publiacqua di Publiacqua e gli obiettivi di sviluppo sostenibile definiti dall’Agenda 2030 ed il cui perseguimento l’azienda ritiene prioritario.

    Il criterio “promozione immagine Publiacqua” sarà valutato anche in base al numero dei soggetti raggiunti e alla pluralità canali comunicazione utilizzati. Le attività devono essere avviate in data successiva all’aggiudicazione del presente bando (prevista per il 30 maggio 2024). I progetti devono concludersi entro il 28 febbraio 2025.

    “Il bando – ricorda il presidente Perini – quest’anno contiene una novità importante: i progetti, oltre che al loro valore culturale, saranno analizzati anche in considerazione degli obbiettivi di sostenibilità e dei valori e dei comportamenti che Publiacqua promuove al suo interno e nelle relazioni con i propri stakeholder: la cultura della legalità e della sicurezza, ma anche inclusione, riconoscimento delle diversità e lotta ad ogni forma di emarginazione e discriminazione”.

    “La cultura – conclude – è da sempre un canale di diffusione di valori e uno strumento di educazione e formazione: per questo motivo abbiamo considerato utile inserire un punteggio premiante a progetti che vadano nella direzione di parlare dei temi ricordati e che sono propri del nostro agire e delle nostre politiche”.

    “SEMPRE A FIANCO DEI NOSTRI PARTNER STORICI”

    Publiacqua è da sempre vicina al mondo della cultura. Fanno parte di questo mondo partner storici “a cui abbiamo rinnovato – dicono da Publiacqua – il nostro sostegno in virtù di un rapporto ormai consolidato nel tempo che non è venuto meno neppure in anni complessi come quelli che stiamo attraversando”.

    Per la cultura Publiacqua conferma quindi il sostegno e la partnership con soggetti prestigiosi del nostro territorio come Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, Fondazione Palazzo Strozzi, Teatro Metastasio, Associazione Teatrale Pistoiese, Pistoia Musei ai quali complessivamente nel 2023 sono stati destinati, anche sotto forma di art bonus, 200.000 euro e che vedranno confermato l’impegno dell’azienda al loro fianco anche per questo 2024.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...