spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 5 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Raccolta rifiuti: Alia, i servizi durante le Festività. Sospesi per Natale e Capodanno, regolari negli altri giorni

    Peraltro sia il 25 dicembre che il primo di gennaio "cadono" entrambi di domenica. Le info su ecocentri ed ecofurgoni

    FIRENZE – Durante le prossime festività, in relazione al servizio di raccolta rifiuti porta a porta, con Natale e Capodanno che cadono entrambi di domenica, non si segnalano variazioni.

    Dal 26 dicembre i servizi saranno svolti regolarmente nei 58 comuni dell’ATO Toscana centro gestiti da Alia Servizi Ambientali SpA, compresi quindi il 26 dicembre 2022 e venerdì 6 gennaio 2023.

    Invitando i cittadini a rispettare i calendari di esposizione per le raccolte porta a porta, si ricorda inoltre che lo spazzamento su ordinanza è sospeso nei giorni del 25 e 26 dicembre 2022.

    Negli stessi giorni saranno comunque garantiti interventi mirati di pulizia nei Centri Storici.

    Gli Ecocentri e tutti gli sportelli al cittadino (Infopoint, Punto Alia e sportelli TARI) resteranno chiusi 25 e 26 dicembre oltrechè 1 e 6 gennaio 2023.

    Gli Ecofurgoni non saranno attivi nelle giornate del 25 dicembre 2022 e 1° gennaio 2023; saranno invece regolarmente presenti sul territorio il 26 dicembre e 6 gennaio secondo calendario.

    Per maggiori informazioni, il Call Center è attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 19.30, il sabato dalle 8.30 alle 14.30 ai numeri 800888333 (da rete fissa, gratuito) o 199105105 (da rete mobile, a pagamento, secondo i piani tariffari del proprio gestore), 05711969333 (da rete fissa e da rete mobile), oppure è possibile consultare il portale dell’Azienda, www.aliaserviziambientali.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...