spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 10 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Regione, donazioni sangue: l’appello del presidente Giani e dell’assessore Bezzini

    Giani: “Il sangue è il nostro carburante, continuate a donare”. Bezzini “Tra i nuovi donatori tanti giovani”. In arrivo nuovo personale per rinforzare i centri trasfusionali

    FIRENZE – “Il sangue rappresenta il carburante del nostro sistema sanitario. E non è riproducibile artificialmente. Chiedo quindi a tutti toscani di continuare a donare e ringrazio i nostri donatori che continuano a rifornirci di sangue e di plasma. Fatelo anche in estate. Ce n’è ancora più bisogno”.

    È l’appello che lancia il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, rispetto alla necessità di continuare ad alimentare le scorte di sangue e plasma a disposizione del sistema sanitario regionale.

    “In Toscana – gli fa eco l’assessore regionale al diritto alla salute, Simone Bezzini – possiamo contare su quasi 113.500 donatori, un numero che ci colloca tra le Regioni più virtuose. Nel 2021 ci sono stati 15.500 nuovi donatori, il 14% del totale, e tra loro il numero maggiore appartiene alla fascia 18-25 anni, seguita da quella dai 26 ai 35 e da quella dai 36 ai 45 anni”.

    “Insomma – aggiunge Bezzini – sono soprattutto giovani, un segnale molto positivo che arriva dalle nuove generazioni. A tutti i donatori va il nostro ringraziamento e il nostro invito a diffondere quella che non è solo una buona pratica, ma anche una forma utile e generosa di prendersi cura della propria salute”.

    Ogni donatore lo fa in media 2 volte all’anno, anche se nell’arco di un anno è possibile donare fino a 4 volte il sangue. Per il plasma, invece, è possibile donare ogni 14 giorni.

    Di plasma ce n’è particolare bisogno ed è fondamentale per la produzione di farmaci salvavita. Tra i gruppi sanguigni dei quali c’è attualmente più necessità figurano lo zero (sia negativo che positivo) e il gruppo A.

    L’impatto della pandemia si è fatto sentire pesantemente e tutte le Regioni si trovano a fare i conti con alcune criticità, anche quelle che storicamente supportano le Regioni carenti.

    Nonostante la sanità toscana sia tra quelle che hanno ridotto meno le attività no-Covid durante la pandemia e più hanno incrementato nel 2021 le prestazioni erogate, come riportato sia dai dati di Agenas sulla resilienza dei sistemi sanitari regionali, sia da altri indicatori, è necessario fare ancora di più. La piena ripresa dell’attività chirurgica richiede disponibilità di sangue.

    “La partecipazione dei cittadini – conclude l’assessore Bezzini – è fondamentale per vincere insieme questa sfida. Inoltre, nell’intento di accogliere un maggior numero di donatori e di facilitare le donazioni, abbiamo incrementato il numero degli addetti ai centri trasfusionali toscani con nuove assunzioni di medici trasfusionisti, che prenderanno progressivamente servizio a partire dal mese di giugno. Rinnovo l’invito a tutti coloro che possono donare a farlo prima di partire per le vacanze perché le malattie non vanno in ferie”.

    Chi può donare? Possono donare tutti coloro che hanno un’età compresa tra 18 e 70 anni, peso minimo 50 kg, buono stato di salute e in possesso di un documento di identità e tessera sanitaria.

    Come fare? È sufficiente presentarsi presso un centro trasfusionale e/o contattare un’associazione di donatori.

    Per maggiori informazioni visita il sito https://www.regione.toscana.it/donare-plasma-sangue-e-piastrine oppure chiama il numero verde 800556060.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...