spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 5 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ricoverato al San Giovanni di Dio, ha bisogno di un busto che non può comprare: scatta la solidarietà

    Un piccolo grande gesto: è quello che ha fatto il personale di una Medicina dell'ospedale di Torregalli. Raccontato in una lettera emozionante

    FIRENZE – Un piccolo grande gesto: è quello che ha fatto il personale di una Medicina dell’ospedale San Giovanni di Dio per un ragazzo dello Sri Lanka ricoverato nel reparto.

    La volontà di fare, l’emozione di riuscire a farlo e poi la voglia di raccontare tutto in questa lettera che a malapena contiene la gioia di infermieri, operatori socio sanitari, medici di un reparto di ospedale e dei compagni di stanza del ragazzo.

    A cui si unisce quella del titolare del negozio che di questa storia ha voluto essere parte. Di seguito la lettera.

    Quando l’ospedale diventa una famiglia

    Ospedale San Giovanni di Dio, reparto di Medicina.

    Un ragazzo dello Sri Lanka è stato appena ricoverato.

    E’ caduto, ha una brutta frattura vertebrale e tanto dolore. Il referto parla chiaro: 40 giorni di prognosi. Dovrà rimanere a letto a riposo.

    Ma lui è solo, non ha famiglia in Italia, moglie e figli sono lontani, non parla neppure bene l’italiano.

    L’ortopedico dice che potrà rialzarsi, certo, fra alcuni giorni, quando passerà un po’ il dolore, però dovrà indossare un busto, un Camp C-35.

    Il busto non è prescrivibile dal sistema sanitario pubblico, quindi dovrà pagarselo di tasca sua e costa molto: circa 300 euro.

    Quando glielo diciamo, si capisce che lui quei soldi non li ha. Gli altri degenti, nella stanza, seguono attenti, in silenzio, la visita dei medici. A un certo punto accade qualcosa di inaspettato.

    I compagni di stanza, con discrezione, chiamano il medico e chiedono di poter contribuire all’acquisto del busto.

    Poco dopo tra gli infermieri e gli operatori socio-sanitari del reparto si sparge la voce e si accende spontaneamente una piccola grande “catena di solidarietà”. Si uniscono a loro volta i medici.

    In poche ore si raccolgono i soldi, la cifra è raggiunta, il busto si comprerà. Tanti piccoli gesti messi insieme possono fare grandi cose.

    L’infermiera del reparto contatta il negozio di articoli sanitari che, appresi i fatti, non vuole sentirsi da meno e fornisce il busto al paziente applicando uno sconto inusuale.

    La cosa più bella che puoi fare per te è fare qualcosa per gli altri

    M. Teresa di Calcutta

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...