spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 10 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Riforma del 118, la Rsu di Asl Toscana Centro proclama lo stato di agitazione dall’11 luglio

    Stop ai servizi realizzati con attività lavorative extra. I sindacati chiedono "di tenere in considerazione le carenze organiche, la necessaria formazione, una valorizzazione professionale"

    FIRENZE – Riforma del servizio territoriale 118: la Rsu della Asl Toscana Centro ha proclamato lo stato di agitazione, su mandato dell’assemblea dei lavoratori riunitasi lo scorso 28 giugno all’Iot di Firenze.

    La mobilitazione arriva “per la mancanza di risposte, da parte dell’azienda, alle questioni sollevate sui tavoli negoziali”.

    La Rsu chiede “un piano di riforma del servizio che tenga in considerazione le carenze organiche, la necessaria formazione, una adeguata compensazione economica”.

    Negli incontri precedenti effettuati con Regione Toscana e Asl Toscana Centro, “non si sono trovati punti di incontro soddisfacenti – fa sapere la Rsu – sui temi della carenza di personale, della formazione, dei protocolli, della valorizzazione professionale”.

    “Lo stato di agitazione – viene spiegato – che avrà effetto dall’11 luglio, implica il blocco delle ore di attività lavorative extra rispetto all’orario mensile contrattualmente dovuto”.

    “A titolo esemplificativo – si conclude – saranno interrotti alcuni servizi derivanti da produttività aggiuntive e straordinari, oltre alle attività remunerate con i suddetti istituti”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...