spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 14 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Rischio incendi, vietato tenere cani alla catena: ordinanza del presidente della Regione

    "Anche quest'anno abbiamo pensato, oltre che alla sicurezza delle persone, anche alla tutela degli animali da compagnia"

    FIRENZE – A causa del caldo di questi giorni e del conseguente rischio di incendi alimentati dalla siccità e dal vento, gli animali tenuti alla catena, senza possibilità di fuga, sono destinati a morte sicura.

    Per questo la Regione ha deciso di introdurre, anche per quest’anno, il divieto di custodire cani alla catena o con altro strumento di contenzione in tutti i territori della Toscana.

    L’annuncio dell’ordinanza è stato dato dal presidente Eugenio Giani intervenuto a Prato all’evento “Una vita sul campo”, dedicato alle unità cinofile delle forze dell’ordine.

    “Anche quest’anno – ha spiegato Giani – abbiamo pensato, oltre che alla sicurezza delle persone, anche alla tutela degli animali da compagnia che, in caso di incendio, rischiano di non poter scappare e di restare così intrappolati fra le fiamme”.

    “In caso di emergenza quindi – ha aggiunto – grazie all’ordinanza della Regione che introduce un preciso divieto, viene offerta loro la possibilità di mettersi in salvo e di allontanarsi rapidamente dal luogo dell’incendio”.

    L’ordinanza avrà validità a partire dal giorno successivo alla data di pubblicazione sul Burt (Bollettino ufficiale della Regione Toscana) e fino al prossimo 30 settembre 2023.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...