spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 10 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Pioggia e temporali, codice giallo su gran parte della Toscana. Sarà la volta buona in Chianti?

    Una perturbazione che si estenderà fino alla prima mattina di domani, sabato 30 luglio. La mappa del rischio però... ci dà poche speranze

    FIRENZE – Sembrano in arrivo su gran parte della Toscana piogge e forti temporali, effetto dell’accentuata instabilità sul Mediterraneo determinata da afflusso di aria più fresca in quota.

    La Sala operativa della protezione civile regionale ha emesso un codice giallo che, per precipitazioni e temporali, è al momento attivo nelle aree del Casentino, del Valdarno superiore, della Valdichiana, del Fiora, dell’Ombrone e della Valtiberina.

    E che si estenderà a partire dalle 21 di stasera a Valdarno inferiore, zone costiere pisano-livornesi, arcipelago, Lunigiana, valle del Serchio, Grafagnana e Versilia.

    Fino a coinvolgere dalla prima mattinata di domani, sabato 30, le province di Prato e Pistoia e la Romagna toscana.

    Tra le 21 di stasera e le tarda mattinata di domani estensione del codice giallo anche per rischio idrogeologico del reticolo minore su Toscana nord-occidentale, costa centro settentrionale e dorsale appenninica.

    Come si vede dalla mappa del rischio però, sia per oggi che per domani, sembrano quasi nulle le speranze che questi temporali arrivino a toccare il territorio chiantigiano.

    Ulteriori dettagli e consigli sui comportamenti da adottare, a seconda del rischio, si trovano all’interno della sezione Allerta meteo del sito della Regione Toscana, accessibile dall’indirizzo http://www.regione.toscana.it/allertameteo.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...