spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Servizio Civile: un posto disponibile alla Misericordia di Poggibonsi nella Protezione Civile

    Un'opportunità anche per molti ragazzi del nostro territorio, vista la vicinanza con il comune poggibonsese. Domande aperte fino al 15 febbraio

    POGGIBONSI – Un’opportunità anche per molti ragazzi del nostro territorio, vista la vicinanza con il comune poggibonsese.

    Si chiama “SIRE” (acronimo di Sistema Integrato Risposta Emergenza) il nuovo progetto di Servizio Civile presso la Misericordia di Poggibonsi.

    Sono aperte le candidature (rigorosamente online e con SPID) per un posto riservato a giovani under 29 ambosessi da impiegare nella Protezione Civile.

    Una figura che si occuperà di gestione banche dati, attività di supporto nella sensibilizzazione dei rischi legati a calamità naturali e nelle emergenze.

    Un’opportunità che accresce formazione e competenze del singolo facendo qualcosa di utile per la comunità.

    Come spiega Damiano Lusini, responsabile del progetto per la Misericordia: “Il Servizio Civile può essere un’esperienza formativa e di crescita anche umana”.

    “Svolgerlo all’interno di associazioni che quotidianamente operano sul territorio – aggiunge – a fianco di chi ha più bisogno, può arricchire i giovani di quei valori e di quelle emozioni difficili da trovare nell’individualismo diffuso della società odierna”.

    C’è tempo fino al 15 febbraio per presentare la domanda all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it/.

    Per ogni chiarimento chiamare la Misericordia di Poggibonsi allo 0577936193 (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13) e chiedere di Luigi Cervelli.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...