spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Maggio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Servizio civile universale: 55 posti a disposizione nelle sedi Avis della Toscana

    Bando in scadenza a,le ore 14 del 26 gennaio, candidature solo online: ecco le sedi in cui verranno inseriti i ragazzi. E come partecipare

    FIRENZE – Sono 55 i posti disponibili per il progetto di servizio civile universale “Ti invito a donare – Toscana” a cura di Avis Regionale Toscana, che permetterà ad altrettanti giovani di svolgere un anno di servizio in 54 sedi Avis della Toscana.

    Il bando è aperto fino alle 14 del 26 gennaio 2022 e la candidatura può arrivare esclusivamente online.

    La durata dell’esperienza è di 12 mesi, con orario settimanale di 25 ore flessibili da articolare tra il lunedì e la domenica, secondo le indicazioni della propria sede di assegnazione. Per i volontari in servizio sarà corrisposto dal Ministero un assegno mensile di 444,30 euro.


    “Una bella opportunità per i giovani della nostra regione – afferma la presidente di Avis Toscana Claudia Firenze – per svolgere un’esperienza arricchente dal punto di vista umano e professionale. Il contributo dei giovani in servizio civile è importante per Avis, soprattutto in questa fase in cui gli effetti della pandemia richiedono uno sforzo in più per assicurare il flusso di donazioni di sangue che salva tante vite”.

    “Oltre ad un aiuto concreto nel promuovere la donazione – conclude Firenze – dai volontari in servizio civile arrivano anche tante belle idee per coinvolgere nuovi donatori, specialmente giovani”.

    Il Progetto “Ti invito a donare – Toscana” è stato presentato in collaborazione con Avis Nazionale all’interno di un Programma congiunto.

    Grazie a questo progetto i giovani saranno impegnati nelle sedi Avis in attività di promozione e sensibilizzazione della cittadinanza toscana alla donazione periodica, associata e consapevole di sangue e plasma, e contribuiranno al raggiungimento degli obiettivi di autosufficienza.

    In particolare i giovani saranno coinvolti nella gestione quotidiana delle attività di Avis e nella sensibilizzazione scolastica. Le sedi dove saranno impiegati sono quelle di Avis Regionale Toscana (a Firenze), Arezzo, Bucine, Castiglion Fiorentino, Foiano della Chiana, Bagno a Ripoli, Borgo San Lorenzo, Campi Bisenzio, Castelfiorentino, Empoli, Figline Valdarno, Firenze, Malmantile, Montespertoli, Rignano sull’Arno, Scandicci, Scarperia e San Piero a Sieve, Zonale Area Fiorentina, Mugello e Val di Sieve, Follonica, Grosseto (comunale e provinciale), Massa Marittima, Cecina, Livorno, Piombino, Rosignano Marittimo, intercomunale Collesalvetti, Pietrasanta, Viareggio, Carrara, Massa.

    E ancora Cascina, Fornacette, Montopoli Valdarno, Pisa, Capannoli, Ponsacco, Pontedera, Santa Maria a Monte, Santo Pietro Belvedere, Prato, Buggiano, Monsummano Terme, Montecatini Terme, Pescia, Quarrata, Uzzano, Pistoia (provinciale e comunale), Chianciano, Poggibonsi, Siena, Montepulciano, Taverne e Arbia.

    I giovani interessati alla candidatura dovranno munirsi preliminarmente di SPID, Sistema Pubblico di Identità Digitale, con livello di sicurezza 2 (se cittadini italiani residenti in Italia o all’estero oppure cittadini stranieri regolarmente soggiornanti in Italia).

    A questo link tutte le informazioni per candidarsi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...